Gli operatori di rete chiedono ancora la rimozione del sistema di compensazione per i pannelli solari e il sussidio delle batterie domestiche

Gli operatori di rete chiedono ancora la rimozione del sistema di compensazione per i pannelli solari e il sussidio delle batterie domestiche

In risposta al progetto di programma di politica climatica, i gestori di rete olandesi hanno ribadito la loro richiesta di abolire con effetto immediato il sistema di compensazione per i pannelli solari e di utilizzare la batteria domestica. sovvenzionare.

All’inizio di luglio, Rob Jetten, ministro dell’Energia e del clima, ha trasmesso il progetto di programma di politica climatica alla Camera dei rappresentanti e lo ha reso disponibile per la consultazione. Netbeheer Nederland ha ora affermato di essere d’accordo con l’importanza di dare corpo e rendere più concreta la politica sul clima, ma sottolinea anche il coordinamento e la coerenza tra le molte componenti della politica.

I gestori della rete hanno concluso che gli obiettivi fissati dal governo non saranno raggiunti con l’attuale politica. Secondo loro, una politica climatica guida con obiettivi chiari, la loro traduzione in programmi di attuazione concreti e un quadro giuridico adeguato, è essenziale per poter svolgere il compito di infrastruttura.

Per questo sono state avanzate sette proposte (vedi fondo di questo rapporto) che dovrebbero contribuire a un programma di politica climatica sostenibile e che sono cruciali per l’avanzamento della transizione energetica.

Una parte importante delle sette proposte è l’eliminazione dello sconto per i grandi consumatori e l’introduzione di una tariffa alla produzione. I gestori di rete vogliono abolire con effetto immediato il sistema di compensazione per i piccoli consumatori, in modo che i consumatori siano incentivati ​​a consumare o immagazzinare l’energia che producono. Vogliono anche limitare le installazioni di pannelli solari per i piccoli consumatori al 50% della capacità dell’inverter, mentre vengono fatte altre richieste per l’introduzione di un quadro di sovvenzioni o incentivi per le batterie domestiche.

READ  dopo il boom delle sneaker, ora sono scarpe di plastica recuperate dagli oceani - Corriere.it

Le sette proposte del gestore di rete in sintesi:

  • Un quadro di indirizzo con sussidi, standard e incentivi: per la realizzazione di elettrolisi su larga scala, batterie, controllo della domanda, stoccaggio di idrogeno e tampone termico;
  • Accordi obbligatori: per una domanda tempestiva e crescente di energia elettrica e sufficienti investimenti in risorse di flessibilità, quali caldaie, stoccaggio e gestione della domanda;
  • Forte gestione di tutte le componenti delle nuove filiere: promuovere il movimento di fascia alta di idrogeno, gas verde, calore e la cattura e lo stoccaggio di C02 (cc). Gli operatori di rete affermano di aver bisogno della combinazione di catene per arrivare a un mix energetico adeguato alla crescente domanda di energia.
  • Lo sviluppo di un piano europeo per allineare i mix energetici nazionali e le principali infrastrutture energetiche in Europa: con le interconnessioni (tipologia di infrastruttura che consente scambi energetici tra reti diverse), il trasporto di idrogeno e gas e la rete offshore.
  • Incentivi tariffari, obbligo per le apparecchiature intelligenti e una politica territoriale per abbinare meglio la domanda e l’offerta di energia elettrica: come la rimozione del sistema di compensazione.
  • Rafforzare i prerequisiti: considerare il rafforzamento della manodopera, capitale aggiuntivo per i gestori di rete regionali e l’accelerazione dei processi spaziali.
  • Un Piano Nazionale del Sistema Energetico per rendere fattibile la transizione energetica: è necessario un approccio sistematico e intersettoriale per rendere fattibile la transizione energetica.

Fonte:
Rivista solare

« Articolo precedente Articolo successivo »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *