“Gli ospedali tedeschi possono pagare in parte le cure mediche”

“Gli ospedali tedeschi possono pagare in parte le cure mediche”

Gli oltre 300 ospedali nello stato tedesco della Renania settentrionale-Vestfalia possono dare un grande contributo all’eliminazione delle lunghe liste d’attesa nei Paesi Bassi. Così afferma Alex Friedrich, presidente del consiglio di amministrazione dell’ospedale universitario di Münster, dove sono già stati curati pazienti olandesi.

L’offerta arriva poco dopo l’ennesima triste cifra del Monitor Accessibility of Care mensile dell’Autorità sanitaria olandese. Le liste d’attesa non si riducono. Ad aprile, da 100.000 a 120.000 pazienti aspettavano un intervento chirurgico da mesi. Questo non è cambiato da allora.

Secondo Jochen Mierau, professore di economia sanitaria a Groningen, l’assistenza sanitaria olandese non soddisfa più l’obbligo legale di cura.

Il tempo di attesa in Germania è di alcune settimane

Una soluzione rapida da parte del settore sanitario stesso non è in vista. Secondo la NZa, l’assenteismo per malattia del personale infermieristico è ancora molto alto. Ciò si aggiunge alla carenza strutturale di personale.

All’inizio di quest’anno, Ad Melkert, presidente della Dutch Hospital Association, ha dichiarato alla rivista specializzata Skipr che le cure correttive non saranno eliminate quest’anno. “Una parte significativa non avrà luogo fino al prossimo anno. Poi delineerò lo scenario favorevole: che non ci sia una nuova grande ondata di contaminazione dopo l’omikron”.

Friedrich, che ha lavorato per anni come insegnante e microbiologo medico nei Paesi Bassi, vede opportunità di aiuto. Secondo lui, questo è fattibile in termini di capacità di guarigione. La Renania settentrionale-Vestfalia, che confina con i Paesi Bassi, ha tante persone quanto i Paesi Bassi, ma molti più ospedali.

“Dove i Paesi Bassi hanno circa 90 ospedali, noi ne abbiamo 330. Anche a casa, i pazienti ora devono aspettare a causa della pandemia. Ma nei Paesi Bassi mancano solo poche settimane o pochi mesi o più. Se anche gli olandesi sono in programma su larga scala, i pazienti tedeschi potrebbero dover aspettare da tre a quattro settimane, il che è accettabile per molte condizioni”.

READ  circa 9 miliardi di vecchi soldi

piano principale

Sostiene che il governo olandese dovrebbe stipulare un accordo pluriennale con la Renania settentrionale-Vestfalia per affrontare congiuntamente le liste d’attesa olandesi su larga scala.

“Un tale accordo è necessario affinché un tale piano generale abbia successo. Dopotutto, in linea di principio, i nostri letti sono già pieni dei nostri stessi pazienti. Ma se gli ospedali tedeschi possono aspettarsi un gran numero di pazienti olandesi ogni anno, li includeremo nella nostra pianificazione annuale. Perché allora vale la pena fare spazio”.

Tuttavia, il Ministero della Salute (VWS) non è molto entusiasta.

Complicato

“Non è così semplice. Se hai un intervento chirurgico in Germania, devi comunque ricevere cure di follow-up nei Paesi Bassi. Non è detto che sia disponibile”, afferma il portavoce della VWS Joeke Kootstra. “Vorrei anche sottolineare che gli assicuratori sanitari nella regione di confine stanno già aiutando i pazienti dei nostri paesi vicini attraverso la mediazione assistenziale”.

Friedrich conferma che gli assicuratori sanitari olandesi stanno già contraendo assistenza sanitaria oltre confine. “Ma questo accade su piccola scala perché i nostri letti sono già pieni e ci sono solo posti occasionali. Ciò non riduce i tempi di attesa estremamente lunghi. Se i nostri governi fanno una politica sanitaria transfrontaliera, gli ospedali tedeschi sanno che molti pazienti olandesi sono garantito per entrare. Quindi puoi fare grandi progressi.

Secondo Kootstra, il trattamento all’estero non è un’opzione appropriata per un’ampia percentuale di pazienti. Ecco perché non vede un piano su larga scala come una buona soluzione. “Si consideri, ad esempio, il follow-up di cui i pazienti hanno bisogno. Ci deve essere una capacità nei Paesi Bassi per questo, o un paziente deve viaggiare all’estero per tutti gli appuntamenti di follow-up. Ci sono anche molti pazienti che non vogliono essere aiutati all’estero , ad esempio a causa di una relazione terapeutica a lungo termine con un medico nei Paesi Bassi.”

READ  "La scorsa settimana ho risparmiato 42 euro su un ordine di soli 80 euro" | Cronache e recensioni

La Federazione dei Pazienti annuncia di essere d’accordo con il commento di VWS. Allo stesso tempo, la ricerca su questo aereo non farebbe male. Ci saranno senza dubbio pazienti che vorranno la scelta di cercare assistenza altrove se le liste di attesa non scompaiono.

“Il tuo dottore resta coinvolto”

“Non è nemmeno intenzione superare i medici olandesi”, afferma Friedrich. “Dovrebbe essere creato un percorso assistenziale olandese-tedesco in cui il paziente sia guidato dal proprio medico”.

È proprio per i commenti del ministero che è importante, secondo Friedrich, che i Paesi Bassi e la Renania settentrionale-Vestfalia lavorino a un accordo per l’assistenza transfrontaliera su larga scala. Le soluzioni a problemi come il monitoraggio possono essere negoziate attraverso un tale accordo, secondo Friedrich.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *