Gli ospedali temono problemi per i prezzi elevati di energia e cibo |  ADESSO

Gli ospedali temono problemi per i prezzi elevati di energia e cibo | ADESSO

Diversi ospedali minacciano di incontrare problemi finanziari quest’anno perché l’acquisto di energia e cibo, tra le altre cose, è diventato più costoso. La situazione potrebbe impedire agli ospedali di fare alcuni investimenti necessari.

Non sono solo i prezzi dell’energia (+43,8%) ad esplodere. Gli ospedali hanno anche speso molto di più quest’anno in servizi e prodotti, come forniture per ufficio, trasporti e cibo. Come risulta lunedì dall’a ricercare van Intrakoop, l’organizzazione per gli acquisti sanitari, e l’Associazione olandese degli ospedali (NVZ).

Hanno partecipato allo studio 68 ospedali, circa i due terzi del totale. Gli aumenti dei prezzi sono legati, tra l’altro, alla guerra in Ucraina, che garantisce che la Russia fornisca meno energia e materie prime, tra l’altro.

Complessivamente, quest’anno gli ospedali avranno una media del 5,8% in più di costi di acquisto, mentre in base agli attuali accordi con le assicurazioni sanitarie saranno risarciti solo dell’1,83% per gli aumenti di prezzo. Di conseguenza, c’è il rischio di un divario di quasi 300 milioni di euro quest’anno, hanno calcolato Intrakoop e NVZ. Gli ospedali devono sborsare quell’importo da soli.

I costi potrebbero aumentare ulteriormente dopo quest’anno

Inoltre, i ricercatori sottolineano che diversi contratti con i fornitori scadranno entro la fine dell’anno e che non si possono escludere ulteriori aumenti di prezzo. Anche i costi dovrebbero aumentare ulteriormente dopo quest’anno.

Ruud Plu, direttore di Intrakoop, prevede tempi difficili per i suoi membri. “Gli ospedali stanno perdendo quasi tutto lo spazio ancora disponibile per gli investimenti necessari, ad esempio in ICT e sostenibilità a causa dell’aumento dei costi. Ciò rende difficile per loro essere e rimanere a prova di futuro. tempo.”

READ  Hyundai IONIQ 5, ecco come caricare la batteria dal 10% all'80%

Dice che i margini nella maggior parte degli ospedali sono molto piccoli. “È importante che il governo, gli assicuratori sanitari e gli ospedali esplorino insieme come compensare l’assistenza senza dover ridurre la qualità o l’offerta”.

Gli investimenti sono in pericolo

La NVZ è preoccupata per la situazione, ha detto un portavoce. L’ombrello dell’ospedale teme inoltre che vengano compromessi gli investimenti in personale, scambio di dati, sostenibilità e TIC. Le carenze previste sono discusse in diversi tavoli, ma la NVZ non può prevedere il risultato.

L’anno scorso, gli ospedali (generali) nei Paesi Bassi hanno sostenuto costi di acquisto per servizi e beni per 8,4 miliardi di euro. La quota di gran lunga maggiore è stata per l’assistenza diretta ai pazienti, come i medicinali (4,8 miliardi di euro), seguita dalle spese generali e dal costo dell’assunzione di liberi professionisti e personale flessibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *