Gli scienziati si sono nettamente divisi sulla tecnologia fantascientifica contro il cambiamento climatico

Gli scienziati si sono nettamente divisi sulla tecnologia fantascientifica contro il cambiamento climatico

Polvere come la luna tra il sole e la terra viene sparato, o palloncini di anidride solforosa che esplodono a mezz’aria e riflettono la luce del sole. Gli scienziati sono sempre più in disaccordo sul fatto che i governi stiano studiando questo tipo di geoingegneria solare – armeggiare con la natura per attenuare la luce del sole – dovrebbe stimolare o prevenire.

Nel dibattito internazionale, gli scienziati olandesi sono importanti sostenitori di entrambe le parti nella situazione di stallo sui metodi controversi per affrontare il cambiamento climatico.

Martedì, tra gli altri, hanno scritto la scienziata ambientale Claudia Wieners (Università di Utrecht), la candidata al dottorato in clima Iris de Vries (ETH Zurigo) e il professor Herman Russchenberg (TU Delft). una lettera che invita i governi a sostenere finanziariamente questo tipo di ricerca, al fine di mappare “rischi e benefici” dell’adeguamento della radiazione solare. Personalità internazionali della scienza del clima hanno firmato la lettera.

Il ricorso va direttamente contro il Accordo di non utilizzo di geoingegneria solare, scritto l’anno scorso dal Professore di Global Sustainability Policy Frank Biermann (Università di Utrecht). Lui, e ora più di 400 firmatari, chiede ai governi di non investire denaro nella ricerca di tecnologie che potrebbero sconvolgere i modelli meteorologici globali e che potrebbero fornire una scusa per ridurre la reale riduzione delle emissioni di gas serra. .

La polvere vulcanica ha raffreddato la terra

Tra il 1991 e il 1993 la terra si è raffreddata di mezzo grado dopo l’eruzione del vulcano Pinatubo nelle Filippine. Le sostanze e i gas che hanno poi bloccato la luce solare sono stati una delle ispirazioni per decenni nella ricerca di tecnologie fantascientifiche per rallentare il riscaldamento globale, soprattutto negli Stati Uniti.

Negli ultimi anni le discussioni su questo tipo di tecniche si sono fatte sempre più accese, ora che le conseguenze del cambiamento climatico si fanno più tangibili. Condizioni meteorologiche estreme come ondate di caldo e forti piogge stanno già diventando più comuni e il mondo si sta dirigendo verso un riscaldamento di 2,8 gradi senza misure aggiuntive, ben al di sopra degli obiettivi di Parigi.

Laddove l’influenza della radiazione solare riguardava principalmente la ricerca scientifica teorica, una start-up americana ha inviato un’informazione due settimane fa in realtà palloncini con anidride solforosa nell’aria. Se esplodessero a circa dieci miglia sopra il Nevada, hanno promesso i due uomini dietro Make Sunsets, potrebbero oscurare la luce del sole e quindi limitare un po’ il riscaldamento globale.

Per dieci dollari per mongolfiera, i clienti potrebbero compensare una tonnellata di emissioni di gas serra per un anno. Problema: la start-up non aveva idea se i palloni avrebbero effettivamente raggiunto la stratosfera, quale sarebbe stato l’esatto effetto e quali rischi ci fossero, ad esempio per lo strato di ozono. Il Messico è stato così sconvolto dalla notizia che a gennaio è diventato il primo paese al mondo a vietare questo tipo di raggio di sole fai-da-te sul suo territorio.

“Tecniche super pericolose”

Secondo Biermann, lo scandalo mostra perché i governi dovrebbero evitare di incoraggiare tali tecniche. “È estremamente pericoloso”, avverte il professore. Il riflesso della luce solare mentre la concentrazione di gas serra sulla Terra continua ad aumentare potrebbe causare cambiamenti nei modelli meteorologici in modi che gli esseri umani non possono prevedere.

Se i monsoni iniziano a comportarsi in modo diverso, i raccolti potrebbero fallire e le comunità potrebbero essere interrotte. Oltre a questo tipo di numerose obiezioni pratiche ed etiche, Biermann si aspetta che i paesi non raggiungeranno mai un accordo amministrativo su questo tipo di tecniche transfrontaliere. “Un’obiezione ancora più grande è che la speranza di questo tipo di tecnologie possa ritardare l’efficacia della politica climatica”, afferma Biermann.

Secondo lui, alcuni studi promettono che l’influenza dei raggi del sole potrebbe alla fine diventare un modo più economico per combattere il cambiamento climatico piuttosto che ridurre le emissioni. Questo potrebbe fare il gioco delle compagnie petrolifere o di paesi come l’Arabia Saudita, che potrebbero vedere una via d’uscita da questa fantascienza per continuare a pompare petrolio fintanto che mandano palloncini in aria. Le aziende stanno ora integrando nei loro piani climatici anche tecniche per l’estrazione di CO2 dall’aria che non sono ancora sufficientemente sviluppate.

Ma i sostenitori della ricerca sulla geoingegneria solare trovano le argomentazioni di Biermann troppo miopi. Anche il dottorando De Vries è molto critico nei confronti dell’approccio e delle dinamiche commerciali della start-up americana e spera che i paesi non avranno mai bisogno della geoingegneria solare. “Ma il fatto che tu preferisca non usare questa tecnica non dovrebbe essere un motivo per non ricercarla.” Perché come puoi sapere se una tecnologia è davvero pericolosa per il tempo se non la cerchi mai o addirittura vuoi ostacolare la ricerca?

“La censura della ricerca produce poco”

De Vries pensa che sia plausibile che il cambiamento climatico andrà così fuori controllo nei prossimi decenni che alcuni paesi ricorreranno comunque a questo tipo di tecnologia radicale e, ad esempio, manderanno in aria palloncini di zolfo. “Allora vuoi fare ricerche su come può influenzare i modelli meteorologici, quali sono i maggiori pericoli e cosa non dovresti assolutamente fare.”

Sottolinea inoltre che esistono metodi meno rischiosi per influenzare la radiazione solare rispetto al metodo dello zolfo. Ad esempio, spruzzando vapore acqueo marino con le navi per rendere le nuvole più bianche e quindi riflettere meglio la luce solare usando il sale marino. “Quindi non porti nulla all’esterno nell’atmosfera.” Una sorta di censura investigativa, a cui mira Biermann, dice, non porta nulla di positivo.

Il professor Biermann, d’altra parte, è riluttante a condurre ricerche su cose che in realtà non si desidera utilizzare a causa dei potenziali rischi. “I fisici spesso pensano di avere influenza su ciò che accade con la loro ricerca, ma questa è un’illusione”. Si riferisce agli accordi che i paesi hanno stipulato per non sviluppare armi chimiche o biologiche perché troppo pericolose.

Supponiamo che i Paesi Bassi sviluppino metodi per i palloncini di zolfo con conseguenze pericolose per altri paesi, intende. Quindi cosa impedisce a Vladimir Putin di costruirli comunque e di mandarli in aria così da poter continuare a pompare petrolio per soldi? “È ipotetico, ma non del tutto irrealistico.” Secondo lui, un paese come la Russia presta poca attenzione all’ambiente e al clima.

null Immagine Brechtje Rood

Figurina di Brechtje Rood

Gli scienziati sono diametralmente opposti

È sorprendente come i climatologi siano diametralmente opposti su questo argomento. Il professore di etica climatica Behnam Taebi non trova fruttuoso per un dibattito un tale “approccio pro contro”, “perché le sfumature vengono trascurate”.

Nemmeno molti scienziati vogliono scegliere da che parte stare. “È un argomento molto difficile”, ammette il climatologo Detlef van Vuuren dell’Università di Utrecht. “Gli scienziati sono d’accordo gestione della radiazione solare non può mai essere una soluzione definitiva. In parte perché l’acidificazione degli oceani continuerà se le concentrazioni di gas serra non diminuiranno; quindi le emissioni devono comunque azzerarsi.

Allo stesso tempo, gli sembra “strano” che deliberatamente non faccia ricerche, specialmente nelle tecnologie in cui c’è la possibilità che l’umanità ne abbia bisogno in futuro come parte della soluzione. Secondo lui, i paesi dovrebbero raggiungere rapidamente accordi politici internazionali su come gestire questi tipi di tecnologie, nel caso in cui alcuni paesi inizino a investire in questo settore in futuro. “Al momento, non ci sono quasi accordi su questo”.

Risolvere il disturbo con il disturbo

Van Vuuren non firma nessuna delle due lettere. “Al momento, la modifica dello sprazzo di sole non è un’opzione. Ma dieci anni fa abbiamo anche pensato in modo diverso alla rimozione della CO2 dall’aria2. È semplicemente necessario ora, che ci piaccia o no. Ciò non significa automaticamente che favorirà improvvisamente l’aggiustamento della radiazione solare in dieci anni, perché comporta un rischio molto maggiore rispetto alla CO2– cancellazione. “Comporta meno rischi. Ma con la riflessione della luce solare, vuoi risolvere un disturbo nel sistema con un altro disturbo nel sistema. »

Il governo olandese non ha ancora una politica concreta sull’opportunità o meno di supportare questo tipo di tecnologia. Il Science Council for Government Policy (WRR) non menziona la geoingegneria solare nel suo ultimo rapporto sul clima, che fornisce consulenza sui costi climatici per il governo. Esiste, tuttavia, un progetto di ricerca sulle questioni a lungo termine della politica climatica. Secondo un portavoce, è “del tutto possibile che geoingegneria solare avrà il suo posto. Tuttavia, il Consiglio “non ha ancora preso posizione”.

Quando i governi e le istituzioni pubbliche non sono disposti a sostenere questo tipo di ricerca, gli scienziati dipendono da corporazioni e filantropi. Uno dei più importanti sostenitori della potenziale influenza del sunburst è il miliardario della tecnologia Bill Gates, che ha co-finanziato precedenti ricerche presso l’Università di Harvard per iniettare particelle nella stratosfera. Probabilmente è contento della richiesta olandese ai governi di fornire anche denaro.

Leggi anche:

Perché Porsche sta costruendo un impianto di carburante “rispettoso del clima” in Cile?

La casa automobilistica Porsche sta costruendo un impianto di carburante “rispettoso del clima” in Cile. Un trucco subdolo per continuare a produrre auto a gas, affermano le organizzazioni ambientaliste. Ma gli esperti vedono serie opportunità climatiche per gli e-fuel.

Negli anni ’70, le compagnie petrolifere hanno investito in energia verde, poi in negazionisti climatici. Da dove viene la copertina?

È un enigma storico: perché i padroni del petrolio prima hanno investito un sacco di soldi in pannelli solari e poi hanno diffuso sciocchezze sul clima. Uno storico americano è determinato a risolvere questo enigma.

READ  pronto sulla rampa di lancio per i test e il "volo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *