Gli scioperanti di AH perseverano: ‘Scaffali vuoti anche in altri supermercati’

Gli scioperanti di AH perseverano: ‘Scaffali vuoti anche in altri supermercati’

I sindacati vogliono un aumento di stipendio del 10% da Albert Heijn e non vogliono che le condizioni di lavoro, come la paga del fine settimana, peggiorino.

Ma Albert Heijn offre un aumento di stipendio del 6% più un aumento del 2% entro gennaio del prossimo anno. C’è quindi un divario tra loro e finché non ci saranno le due parti, ci sarà uno sciopero.

“Nessuno vuole smettere”

I dipendenti di tutti i centri di distribuzione Albert Heijn sono ora in sciopero, afferma il direttore di FNV Levin Zühlke-van Hulzen. In precedenza era stato comunicato che le azioni sarebbero durate solo fino a mercoledì.

“Chiedo ogni giorno se dobbiamo continuare o se dobbiamo fermarci, ma non ho ancora trovato nessuno che voglia smettere”, ha detto Zühlke-van Hulzen.

“Sciopero di maggioranza”

Secondo lui, la maggior parte dei lavoratori a tempo indeterminato è in sciopero. Al centro di distribuzione di Geldermalsen, da dove le merci non deperibili vengono trasportate ai negozi, quasi tutti sono in sciopero, afferma Zühlke-van Hulzen.

Ora puoi conservare cose come lo shampoo un po’ più a lungo. “Ma le scorte nei negozi non sono molto grandi.” Secondo lui, c’è stato uno sciopero continuo a Geldermalsen dalle 19:00 di domenica sera.

Sciopero in tutti i centri di distribuzione

Albert Heijn ha altri quattro centri di distribuzione a Zaandam, Pijnacker, Zwolle e Tilburg. Qui vengono distribuiti anche prodotti freschi. “Ho visto le immagini del centro di distribuzione di Zwolle e non ci sono lavori in corso”, afferma Zühlke-van Hulzen.

Questo è stato il caso da domenica sera, ha detto. C’è stato uno sciopero anche a Pijnacker da domenica sera ea Tilburg da lunedì mattina, ha detto. Secondo lui, i part-time di Zaandam sono in sciopero da domenica sera e i dipendenti che sono impiegati da ieri sera.

READ  Internet sarà virtualmente gratuito per decine di milioni di americani

AH: problemi nel nord-est e nel sud-ovest

Ma secondo Albert Heijn, “più della metà” dei negozi può ora essere adeguatamente rifornita, ha scritto il supermercato in una e-mail all’inizio del pomeriggio.

“Solo nella regione nord-est e sud-ovest i nostri clienti possono avvertire alcuni effetti delle azioni durante il giorno”, continua.

“Grosso problema”

Tuttavia, alcuni esperti hanno una visione negativa. Se gli scioperi nei centri di distribuzione di Albert Heijn andranno fuori controllo e dureranno molto più a lungo, sorgeranno “seri problemi” nei supermercati olandesi, ha detto all’agenzia Paul Moers, esperto di vendita al dettaglio e di marchi, ANP press.

“Albert Heijn ha una quota di mercato di circa il 37%, se questi clienti si recano in altri supermercati, anche lì gli scaffali saranno vuoti”. Secondo lui, altre catene di supermercati non possono farcela se molti consumatori si recano lì per fare acquisti.

“Con determinati prodotti”

Ma Dirk Mulder, un banchiere del settore che si concentra sulla vendita al dettaglio presso ING, non vede grossi problemi a breve termine. Pensa che se c’è carenza di alcuni prodotti, come pasta e carta igienica durante il coronavirus, potrebbero verificarsi carenze per alcuni prodotti.

E se gli scioperi durano più di una settimana e anche in tutti i centri di distribuzione, allora immagino che ci saranno problemi, dice. “Ma anche altri supermercati reagiranno a questo e ne trarranno vantaggio”.

‘AH si legherà’

Secondo Mulder, la maggior parte delle catene di supermercati ha ancora abbastanza spazio nella catena di distribuzione per soddisfare l’aumento della domanda. “Anche se ci sono ancora carenze di personale”. Ma pensa che Albert Heijn alla fine si arrenderà. “Non dureranno a lungo.”

READ  Open day con il vaccino Pfizer a Napoli, apre oggi la piattaforma: età e come prenotare

Moers crede anche che Albert Heijn alla fine offrirà qualche percentuale in più di stipendio, dice. “Ma questi costi più elevati, dice, porteranno a prezzi più alti sugli scaffali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *