la pandemia “dimenticata” di covid polmonare

la pandemia “dimenticata” di covid polmonare

PAPÀ

Notizie ONSModificato

  • Maartje Geels

    redattore in linea

  • Maartje Geels

    redattore in linea

È marzo 2020 quando Tjitske Jaarsma* viene infettata dal virus corona tramite suo marito. Sviluppa una tosse che si trasforma in una grave mancanza di respiro. A casa ha il fiato corto e alla fine deve andare tre volte in ospedale. Anche sua figlia è infetta. Più di due anni dopo, i due sono ancora alle prese con una serie di disturbi: stanchezza, mancanza di respiro, cattive condizioni. “Devi solo fare qualcosa e sei di nuovo stanco.”

A Jaarsma e sua figlia sono stati ora diagnosticati disturbi polmonari covid o a lungo termine dopo l’infezione da corona. Poco si sa del covid polmonare, noto anche come sindrome post-covid. Gli esperti parlano di una serie di reclami che possono variare da persona a persona. Chi ha contratto il polmone covid perché non è ben noto. Inoltre, non sappiamo quante persone nei Paesi Bassi vadano in giro con lamentele residue.

La pneumologa Merel Hellemons (Erasmus MC) stima che possa interessare centinaia di migliaia di persone. Lei parla di “numeri giganteschi”. Non ci sono numeri esatti; il governo nazionale non lo segue.

Hellemons basa la sua stima sui dati del Regno Unito, dove l’agenzia nazionale di statistica pubblica mensilmente i dati sul covid polmonare. A dicembre, l’agenzia ha ipotizzato che 2,2 milioni di persone presentassero sintomi di covid polmonare. Questo rappresenta il 3,4% della popolazione. Convertito alla popolazione olandese, ammonterebbe a 600.000 persone, un numero menzionato anche questo mese durante un briefing dei membri della Camera dei Rappresentanti.

Bollitore troppo pesante

“Per i primi mesi non riuscivo nemmeno a sollevare il bollitore, era troppo pesante”, dice Jaarsma. Ora ha giorni buoni e giorni cattivi, il che rende difficile vivere una vita normale. “Siamo stati una famiglia attiva fino a marzo 2020. Ora devi pensare a tutto. Ad esempio, posso andare a una festa di compleanno o no? Se vado, posso restare solo un’ora”. Il supermercato li raccoglie, la pulizia è troppo dura. “Il bagno non ha un bell’aspetto e le finestre non sono state pulite per così tanto tempo.”

Jaarsma trascorre molto tempo a casa con sua figlia. Tutti intorno a lei non sono a conoscenza della sua situazione. “Quando sono per strada, non mi vedi. Quello che la gente non sa è che dopo sei sdraiato sul divano, esausto.”

“Vivi in ​​un mondo parallelo, come se fossi separato da persone che non hanno il polmone covid”, spiega Vivienne Matthies-Boon. È stata contagiata dal virus a fine gennaio, è stata ricoverata due volte e poi è guarita. Ma a settembre ha avuto una ricaduta. “In estate potevo camminare fuori per 20 minuti di fila, quello era il massimo. Ma almeno potevo fare qualcosa. Sono costretto a letto da settembre”.

Non molto conosciuto

Jaarsma e Matthies-Boon sono frustrati dal fatto che si sappia poco sul covid polmonare e che la ricerca venga condotta solo con parsimonia nei Paesi Bassi. Per cominciare, non è chiaro il motivo per cui l’hanno contratto, mentre altri escono indenni da un’infezione. La scienza non ha (ancora) una risposta a questo.

“Esistono numerosi fattori di rischio, come l’essere donne, l’obesità, alcune malattie croniche e la gravità dell’infezione acuta”, afferma la professoressa di psicosomatica Judith van Rosmalen. “Ma gli studi si contraddicono ancora a vicenda e questo è ovviamente ancora molto generale.” Anche il fumo e una vita frenetica sembrano essere fattori di rischio.

Van Rosmalen (UMC Groningen) ha condotto un importante studio sul covid polmonare all’inizio di quest’anno. Ha dimostrato che un paziente su otto aveva ancora lamentele da tre a cinque mesi dopo l’infezione.

Il pneumologo Hellemons vede questi pazienti al lavoro. Sorprendentemente, la loro funzione polmonare è quasi sempre normale. “Non sembra esserci un problema con i polmoni stessi.”

Gli esami regolari spesso non trovano nulla di anormale. Ma non è la fine della questione, dice Hellemons. “Lo stigma che molti pazienti affrontano è che è tutto nella loro testa”.

Test più specifici rivelano discrepanze. “Sappiamo dagli studi che, ad esempio, il sistema immunitario è oberato di lavoro. Troviamo anche anomalie nella flora batterica dell’intestino e una maggiore tendenza alla coagulazione. E alcuni pazienti notano che la loro frequenza cardiaca aumenta di 40 battiti. quando aumentano , un segno di interruzione di complessi processi regolatori nel corpo.” Continua: “Troviamo tutto ciò che non è normale, ma il denominatore comune, è difficile da dire”.

READ  Anche Ben & Jerry's non riesce a smettere di vendere gelati in Israele in tribunale | ADESSO

Parlo ai giovani di 28 anni che sono tornati a vivere a casa perché hanno bisogno di cure.

Merel Hellemons, pneumologo Erasmus MC

Hellemons chiede più ricerca olandese sul covid polmonare. Pensa anche che dovrebbe esserci una migliore comprensione di ciò che chiama “la pandemia silenziosa”. “Parlo con ventottenni che sono tornati a casa perché hanno bisogno di cure. Queste persone sono così malate e così incomprese”.

Gruppo dimenticato

Lo pneumologo parla di un “gruppo dimenticato” che riceve troppo poca attenzione ora che la società è di nuovo aperta. Matthies-Boon ammette che: “Quando senti che altre persone sono andate al pub o sono andate in vacanza, pensi davvero: ‘quando posso ancora fare qualcosa’. Ti dispera, per esempio io non lo faccio’ Non so se posso cucinare una cena di Natale. Una tavola può reggere”.

Jaarsma spera che sua figlia si riprenda, ora deve perdere la scuola per la maggior parte. “La sua vita è in pausa”.

Matthies-Boon spera soprattutto in un anno migliore. “La scorsa settimana ho provato ad andare in bicicletta fuori per dieci minuti e poi sono crollato. Non ti senti più umano. Essere umano è poter stare fuori, fare qualcosa con gli altri. Ma ora non è più possibile.”

* Il nome Tjitske Jaarsma è stato cambiato per motivi di riservatezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *