Gotham Knights brancolando nel buio |  Esame

Gotham Knights brancolando nel buio | Esame

30 fps non sono il problema più grande

Scritto da Lars Cornelis su

Se sei stato nell’ombra di qualcun altro per anni, può essere abbastanza difficile quando i riflettori sono improvvisamente puntati su di te. In Gotham Knights, non sono solo i quattro nuovi Guardiani di Gotham a lottare con il loro nuovo status. Lo sviluppatore WB Games Montreal scopre anche che qualcosa del genere richiede tentativi ed errori.

È quasi impossibile non confrontare Gotham Knights con i giochi di Arkham. Mentre Arkham Trilogy è stato sviluppato principalmente dallo studio gemello Rocksteady Studios, WB Games Montreal ha sviluppato il prequel Arkham Origins. Questo studio è anche indissolubilmente legato a questi leggendari giochi di supereroi. Tuttavia, Gotham Knights non è una continuazione di “The Arkhamverse”, ma offre una storia unica. Senza Batman.

Almeno: il Crociato Incappucciato ovviamente ha un ruolo in Gotham Knights. All’inizio del gioco, Bats viene ucciso e ora tocca ai suoi quattro protetti continuare il suo lavoro. Nightwing, Batgirl, Robin e Cappuccetto Rosso si alleano in un caso che coinvolge il più grande detective del mondo dell’epoca. Hanno stabilito il loro quartier generale nel campanile, una vecchia torre dell’orologio, e combattono il crimine a Gotham da qui ogni notte. Danno la caccia alla Corte dei Gufi, una società segreta che da secoli tira le fila dietro le quinte di Gotham.

Sembra un terreno fertile per una trama interessante con nemici diversi dallo standard Joker o Due Facce, ma Gotham Knights non sa mai come sorprendere. Il gioco segue obbedientemente lo schema standard di una storia di supereroi, quindi, nonostante una manciata di momenti memorabili, vedi che le rivelazioni più importanti fanno molta strada. Non è un disastro in sé e per sé, poiché la storia offre principalmente un motivo per colpire molti nemici sul naso.

READ  Milan, grana Kessie: va alle Olimpiadi con la Costa d'Avorio, salta la preparazione e torna ad agosto. Le date | Prima pagina

Gotham Cavalieri

Dopotutto, è quello che fai di più: schiaccia i nemici l’uno contro l’altro. Il sistema di combattimento in Gotham Knights è molto semplice e non ha meccanismi di blocco o di contrasto. Si tratta di attaccare e schivare e sembra un po’ rudimentale. Il molto discusso frame rate di 30 fps non è la base per questo; dopotutto, i giochi di Arkham hanno funzionato senza intoppi come un’anguilla in un secchio di WD-40, anche su PlayStation 3. Senza contatori, tutto scorre un po’ meno agevolmente.

Di conseguenza, una certa routine si insinua rapidamente nei combattimenti. Molti nemici si assomigliano e puoi sconfiggerli con la stessa tattica. Per una maggiore varietà, puoi selezionare un supereroe diverso per ogni missione, ma non aspettarti di giocare improvvisamente a un gioco completamente diverso dopo aver cambiato i Guardiani della notte. I diversi stili di combattimento sono per lo più cosmetici; alla fine hanno tutti più o meno gli stessi attacchi. Ad esempio, dove Red Hood spara con le sue pistole (non letali), Batgirl lancia un Batarang.

Gotham Cavalieri

La sfida più grande è creata a buon mercato dal sistema di livelli. I nemici più avanti nel gioco sembrano ancora esattamente gli stessi, ma a causa del loro livello più alto, ci vuole solo più tempo prima che cadano. Quanto di base vuoi che sia?

È particolarmente frustrante che il sistema di livelli metta così tanta pressione sulla progressione del gioco.Alcune missioni secondarie funzionano bene nel loro arco narrativo con il proprio cattivo, ma devi giocarle in un ordine quasi completamente fisso tra di loro. Altrimenti, sarai troppo debole per la storia principale o troppo forte per la missione secondaria se la riprenderai in seguito. Gotham Knights procede quindi in modo molto disordinato: gli spettacolari combattimenti contro i boss, ad esempio, sono tutti concentrati nelle ultime ore di gioco.

READ  Microsoft: Dieci anni bastano a Sony per creare un'alternativa a Call Of Duty - Gaming - News

Insieme a questo sistema di livelli si blocca un altrettanto inutile sistema di bottino e creazione. Sblocchi continuamente nuovi pacchetti e armi e il sistema di livelli ti costringe praticamente a scegliere alla cieca la tua attrezzatura più potente. Puoi creare qualcosa da solo con le innumerevoli materie prime che raccogli. Ma perché dovresti, se dovessi cambiare completamente dopo ogni missione?

Fortunatamente, i tuoi quattro eroi progrediscono contemporaneamente, quindi non devi addestrarli uno per uno. Le missioni principali e secondarie danno anche abbastanza XP per andare avanti, quindi non devi muoverti per la città. Il divertimento sarebbe presto finito.

Gotham Cavalieri

Le attività a Gotham sono comuni quanto i nemici. I reati si svolgono in vari luoghi della città, come rapine, presa di ostaggi o traffico di organi. I quattro vigilantes possono risolvere questi crimini, sì, prendendo a pugni tutti nel naso. Occasionalmente puoi anche iniziare un inseguimento, ma il Batmoped sembra relativamente lento e si ferma al minimo errore di direzione. È quindi preferibile lasciare queste attività a sinistra.

La città può essere molto suggestiva, ma solo in circostanze specifiche. Quando le nuvole si aprono e il chiaro di luna argenteo sulle strade umide si fonde con i neon rosso e viola di locali notturni e cartelloni pubblicitari, ray tracing, illuminazione volumetrica e risoluzione 4K si fondono in armonia. In momenti come questo, è comprensibile che Gotham Knights sia bloccato a 30 fps. Gotham probabilmente sarebbe stato meno suggestivo se fosse stato reso su un altro livello.

Gotham Cavalieri

Nonostante ciò, la città rimane vuota e desolata. Dal punto di vista della trama, ha senso che gli abitanti di Gotham non osino camminare per le strade di notte, ma qual è il valore aggiunto di un open world? Vale anche la pena notare: ogni volta che passiamo da e verso il mondo aperto, dobbiamo (brevemente) fare i conti con una schermata di caricamento tradizionale. Non lo vedi molto spesso da quando le serie PS5 e Xbox sono entrate in scena.

READ  Europei: Belgio in pensione, pessimismo per De Bruyne ed Eden Hazard

Anche quando il gioco è positivo, sembra sempre esserci una scelta di sviluppo mal ponderata. In una serie di missioni, il gioco sorprende adattando dialoghi o persino elementi di gioco agli eroi che controlli in quel momento. Quindi vuoi essere in grado di ripetere una missione del genere come un altro eroe, ma non è un’opzione. Il gioco ti incoraggia a cambiare, ma poi dà a ogni eroe la propria storia. Non funziona insieme, quindi ottieni comunque pezzi della storia dell’altro.

Gotham Knights ha sicuramente alcuni punti di forza, ma gioca molto più spesso come una singola salsiccia. Neanche la modalità cooperativa può cambiare questo. Non ci sono attacchi speciali improvvisi per due giocatori; rimane lo stesso gioco di combattimento monotono, ma con due supereroi nella foto. Forse sarebbe stato meglio se i Gotham Knights avessero davvero mantenuto la loro posizione. In una partita a giocatore singolo, senza modalità cooperativa, senza open world e soprattutto senza sistema di livelli, tutto trascinato come una zavorra. Forse il gioco avrebbe anche potuto girare “solo” a 60 fps.

Gotham Knights è ora disponibile su PlayStation 5, Xbox Series X e S e PC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *