Governo attiva la legge emergenziale: niente di più contro l’accoglienza degli ucraini | Interno

Lo ha affermato il segretario di Stato Van der Burg dopo il Consiglio dei ministri a proposito del problema di accoglienza causato da un grande afflusso dall’Ucraina. La legge di emergenza significa che i sindaci sono più obbligati ad accettare i rifugiati nel loro comune. “Non è più una domanda a cui puoi dire di no”, afferma Van der Burg. “Ma lo consegneremo ufficialmente ai sindaci come compito”.

Se i comuni si rifiutano ancora di organizzare l’accoglienza degli ucraini, “saranno ritenuti responsabili”, precisa il segretario di Stato. “Quello che si fa oggi su base volontaria sarà presto un compito legale per i sindaci. Ne sono quindi responsabili. »

Altra legge

La legge sull’emergenza sarà ratificata dal re venerdì, da lì in poi la palla è nel tribunale dei sindaci. Ciò non significa che possano rivendicare edifici per allestire luoghi di accoglienza, poiché è necessaria una legge diversa. Ma l’attivazione della legge emergenziale prelude a una maggiore coercizione.

Van der Burg ha anche annunciato che i Paesi Bassi non incoraggeranno le organizzazioni umanitarie a raccogliere i rifugiati dalle aree di confine dell’Ucraina e portarli qui. I Paesi Bassi stanno prelevando i pazienti che devono andare in ospedale in queste regioni. Si tratta di un massimo di 30 persone al giorno e 400 in totale, data la capienza dell’ospedale.

READ  Affitti brevi, tramite cedolare secca solo per il 5% dei proprietari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.