Governo italiano sull’orlo del collasso se si ritirano i 5 stelle

Governo italiano sull’orlo del collasso se si ritirano i 5 stelle

Alti dirigenti a cinque stelle, guidati dall’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, si sono incontrati mercoledì per decidere se rimanere nella coalizione, dopo aver avanzato una serie di rivendicazioni politiche in vista del voto di fiducia di giovedì.

Dopo l’interruzione dell’incontro a 5 stelle, una fonte di alto livello del partito ha detto a Reuters che Conte voleva parlare con Draghi per cercare un compromesso.

In Italia si terranno le elezioni nazionali nella prima metà del 2023 e crescono le tensioni tra i membri della coalizione che Draghi guida da 18 mesi.

Intervenendo in una conferenza stampa a Roma, il leader della Lega di destra Matteo Salvini ha affermato che il suo partito non continuerà a sostenere Draghi se 5 Stelle si ritirasse dalla coalizione. Le elezioni anticipate erano la soluzione migliore, ha detto.

“Se un partito di coalizione non sostiene un decreto del governo, questo è abbastanza, sembra chiaro che dovremmo andare alle elezioni”, ha detto.

Anche il Partito Democratico (PD) di centrosinistra non è disposto a formare un nuovo governo senza 5 stelle, ha detto il suo leader Enrico Letta in un incontro di partito, aggiungendo che le elezioni anticipate sono le più probabili se l’attuale coalizione implode.

Nel tentativo di allentare le tensioni, Draghi ha affermato martedì che molte priorità politiche a 5 stelle si sovrappongono a quelle del governo, ma ha messo in guardia contro le continue richieste dei partner della coalizione.

“Un governo non lavora con gli ultimatum, quindi perde l’utilità della sua esistenza”, ha detto Draghi in conferenza stampa, aggiungendo che non sarebbe pronto a continuare come primo ministro se 5 stelle si ritirasse.

READ  "Ferrari mostra la porta a Binotto, Vasseur nuovo team boss dal 2023"

L’Italia potrebbe votare al più presto in autunno, ma sarebbe insolito tenere le elezioni in quel momento, in quanto coinciderebbero con la stesura e l’approvazione parlamentare della legge di bilancio per l’anno successivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *