Hai bisogno di cibi semplici per la tua salute?

Hai bisogno di cibi semplici per la tua salute?

Durante la mia infanzia in Italia, ho mangiato molto ‘in bianco’ (in bianco). Si tratta di cibi semplici come il riso o la pasta con cavolo riccio che si dice siano così facili da digerire da farti sentire meglio quando sei malato.

In Italia, il cibo “in bianco” di solito si riferisce a riso o pasta cotti con un po’ di olio o burro, magari un po’ di parmigiano sopra. Un pezzo di carne magra o pesce alla griglia con patate lesse può essere anche “in bianco”.

Indipendentemente dagli ingredienti, la caratteristica principale di questi tipi di pietanze è che sono insipidi e poco gustosi. I bambini italiani con stomaco sensibile di solito ricevono questo cibo non solo a casa, ma anche a scuola. Molte persone hanno adottato questa abitudine da adulti senza pensare. Ma perché il cibo semplice fa bene? E quando dovresti davvero mangiarlo?

“Storicamente, una dieta semplice è stata raccomandata per ridurre i sintomi della malattia acuta gastroenterite (influenza dello stomaco)”, afferma il pediatra di Roma Dr. Valentina Paulucci di. “Questo si basa sull’idea che aiutare il processo digestivo durante un’infezione può aiutare il recupero”.

Il problema è che i cibi semplici non sono particolarmente nutrienti, quindi adulti e bambini malati non ottengono “il giusto carburante per la guarigione”, aggiunge Paolucci. I piatti semplici possono essere piuttosto difficili da digerire, soprattutto se conditi con molto burro e formaggio o olio.

Paolucci consiglia invece di seguire una dieta sana, varia e leggera quando si è malati. È anche una buona idea bere molta acqua per prevenire la perdita di liquidi e sale dopo vomito e diarrea. Oltre ai cibi grassi e salati, dovrebbero essere evitati anche i dolci, poiché possono influenzare l’equilibrio dei liquidi del corpo e indebolire il sistema digestivo.

READ  Amerikaanse familie sleept vruchtbaarheidskliniek voor de rechter na test del DNA: "Waar was mijn Italiaanse afkomst?"

Eppure, anche se il cibo semplice e insipido non è poi così buono per te, dopotutto si sente così. È strano e allo stesso tempo appagante mangiare qualcosa di noioso quando sei malato, la sensazione di prenderti cura di te stesso in un momento in cui il tuo corpo è in crisi.

“Tendiamo a pensare che se ci piace qualcosa non può essere un bene per noi – e questo include le persone che non seguono una dieta”, ha detto il nutrizionista e autore italiano. Marco Mereu. “I cibi ipocalorici, e l’idea di sacrificio ad essi collegata, sono ormai visti come ‘una cosa buona’ per tutti. Crediamo profondamente che si debba soffrire per fare qualcosa di buono per il proprio corpo.

Le diete rigorose incentrate sulla semplificazione dei pasti o sull’eliminazione dei gruppi alimentari stanno diventando sempre più comuni online. Ma ironia della sorte, questa ossessione per il “mangiare sano” può piuttosto malsano diventare.

“Alcune persone eliminano sempre le spezie e il sale dalla loro dieta, a rischio altre malattie sorgere”, dice Mereu. “Pensano che negando a se stessi qualcosa siano al sicuro”. Ma “è un errore evidente”, conclude Mereu. “Si rinuncia al gusto e all’aroma, così importanti per un sano rapporto con il cibo.”

Questo articolo è apparso originariamente su VICE Italia.

Seguire VICE Belgio e VICE Paesi Bassi anche su Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *