“Ho avuto un allenatore che urlava spesso, che mi ha segnato molto”

“Ho avuto un allenatore che urlava spesso, che mi ha segnato molto”


giovedì 3 marzo 2022 alle 23:45
Mart Oude Nijeweeme• Ultimo aggiornamento: 18:17

Dopo una carriera di alto livello in vari club nazionali e stranieri, Edson Braafheid e Gianni Zuiverloon si sentono in dovere di restituire qualcosa. Braafheid ha raggiunto la finale della Coppa del Mondo nel 2010, Zuiverloon ha attraversato l’intera accademia giovanile del Feyenoord. Entrambi hanno dovuto affrontare disturbi mentali. Solitudine, paura del fallimento, affrontare le ferite. Ha persino portato alla depressione a Braafheid. Condividendo le loro esperienze con gli altri, sperano di rendere i giovani e i giovani adulti più resilienti.

Di Mart Oude Nijeweeme

Mentre aspettiamo Braafheid e Zuiverloon nella mensa dell’associazione dilettantistica FC Abcoude, il telefono squilla all’improvviso. È gentilezza. Dove può parcheggiare l’auto. “Devi attraversare il ponte”, dice Stefan, un ragazzo che li accompagna alla fondazione. È passato molto tempo da quando l’ex giocatore di FC Utrecht, FC Twente e Bayern Monaco è entrato nel complesso sportivo della sua squadra giovanile. “Ho potuto giocare molte grandi partite qui”, ha detto al presidente Winand Paulissen una volta arrivato.

Nessuno avrebbe potuto immaginare che la carriera di Braafheid sarebbe decollata così. La sua spinta al successo lo ha portato alla finale della Coppa del Mondo 2010 in Sud Africa, ma non è stata certamente senza lotta. “Tutti hanno a che fare con blocchi mentali. Ho dovuto affrontarlo anche nella mia vita, nella mia carriera”, ha detto Braafheid. Campo da calcio† Per il difensore è già iniziato con il suo sodalizio dilettantistico. “Sono entrato in una squadra con un allenatore a cui piaceva urlare. Prima che prendessi la palla, le persone stavano già gridando cosa dovevo fare. Non ho avuto l’opportunità di far fluire la mia intuizione. gran parte dell’impatto su di me, il che mi rendeva molto ansioso. Il gioco che amavo, all’improvviso non era più divertente”.

READ  Hamelin Prog: Fagioli: Ho chiesto soldi a Gatti e Dragusin. Le lacrime col Sassuolo? Pensavo ai 3 milioni di debiti - La Gazzetta dello Sport

Edson Braafheid ha giocato due periodi a Utrecht, tra il 2003-2007 e il 2016-2018.

Bontà decide di condividere le sue esperienze personali con gli altri. Dopo una telefonata con il suo buon amico Gianni Zuiverloon, i due hanno creato la propria fondazione. “Vorrei che qualcuno avesse passato tutto questo e potesse guidarmi”, ha detto Zuiverloon. “Sono molto felice che ora possiamo essere quelli che possono agire come esperti per esperienza e dare consigli. Non lo stiamo facendo da soli. Insieme a mental coach, psicologi e antropologi culturali, organizziamo workshop che costruiscono la salute mentale e la resilienza. Ci auguriamo di poter lanciare workshop al maggior numero possibile di scuole, associazioni sportive e imprese”.

Zuiverloon ha anche lottato con problemi mentali durante la sua carriera. Al Feyenoord, per esempio, dove dopo un ritiro a diciassette anni gli fu detto che doveva girare in tondo. “Erwin Koeman era il nostro allenatore. Siamo andati in Inghilterra per un ritiro e io non ho giocato quella partita. Ho dovuto riscaldarmi per un tempo, ma non sono riuscito a entrare. Il giorno dopo siamo tornati in Olanda . Dovevamo finire. Quelli che non avevano giocato, dovevo camminare di più. Ero davvero arrabbiato per non aver giocato, il che ha senso. Tu vuoi sempre giocare. Ma dovevo anche camminare, e l’ho fatto. Sono d’accordo. Poi mi sono scatenato. In quel momento avevo bisogno di qualcuno che mi guidasse nelle mie azioni e nelle mie reazioni, in modo da poter fare scelte migliori.

Guarda il reportage con Edson Braafheid e Gianni Zuiverloon qui

Lo stesso è successo a Zuiverloon in Inghilterra, dove è stato messo a dura prova mentalmente mentre giocava per West Bromwich Albion e Ipswich Town. Si sentiva solo, non sapeva come gestire l’immensa pressione. “Qualcosa era successo in privato, ma non potevo raccontare la mia storia a nessuno. Ho perso il mio punto di partenza ed è andata in discesa. Nel frattempo, sono stato descritto dai media come qualcuno che non sarebbe stato mentalmente forte”. Zuiverloon alla fine è tornato in Olanda tramite una deviazione, dove l’anno scorso si è strappato il legamento della caviglia. Una telefonata di Braafheid alla fine dell’anno scorso gli ha fatto pensare.

READ  Rooney si unisce alla discussione di Ten Hag: "Se devo scegliere..."

“Sapevo che si era strappato i legamenti della caviglia”, ha detto Braafheid nella telefonata in questione. “Stava attraversando un periodo difficile. Gli ho chiesto come è andata. ‘Bene’, ha detto. Ma ovviamente non lo è stato. Un grave infortunio è mentalmente difficile. Soprattutto se hai qualcosa in mente e vuoi fare A la conversazione che doveva durare dai dieci ai quindici minuti è finita per tre ore Braafheid e Zuiverloon hanno giocato l’uno contro l’altro e l’uno contro l’altro a Jong Oranje Sono rimasti in contatto per tutta la loro carriera.

Edson Braafheid e Gianni Zuiverloon sono diventati amici durante la loro carriera calcistica.

“Lo sai nel mondo del calcio. Hai una buona amicizia con alcuni ragazzi, altri no”, continua Braafheid. “Ho visto che aveva a che fare con la mente e lo sapeva di me. È un argomento delicato. La gente non ne parla facilmente perché vivi in ​​un mondo in cui può essere usato contro di te se ti rendi vulnerabile” “Tu hanno paura di questo. Ti esponi. Inoltre, il mondo del calcio è un mondo maschilista. Non lamentarti, vai avanti. Vogliamo cambiarlo”.

Secondo Braafheid, i social media svolgono un ruolo importante in questi giorni. “Penso che i giovani giocatori debbano essere preparati per questo. All’inizio è divertente ed emozionante, ma si trasforma rapidamente in una prestazione costante. Soddisfa sempre le aspettative del pubblico, dei tuoi compagni di squadra e dell’allenatore. Questo diventa molto molto sottovalutato. Per fortuna Ho sempre avuto il supporto della mia famiglia, il supporto per continuare a farlo, mio ​​padre mi chiedeva sempre come pensavo fosse andata.

READ  L'AZ sorprende la Lazio e fa un passo verso i quarti di finale di Conference League | con una grande vittoria a Roma Europei di calcio

Zuiverloon invita principalmente le persone ad aprire l’argomento alla discussione. “Siamo in diretta da solo un mese, ma stiamo già ricevendo tantissime richieste. Ragazzi che hanno bisogno di uno sfogo per chiederci come abbiamo fatto. È già un primo passo verso la vulnerabilità e la salute mentale. Parlarne con qualcuno è così importante. Quando ha successo? Ha già successo se siamo riusciti a rendere una persona mentalmente più forte.

Se vuoi saperne di più sulla Play Mental Foundation, puoi visitare il sito web


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *