Hoekstra: “Il sostegno all’Ucraina deve continuare, determinano la fine della guerra”

Hoekstra: “Il sostegno all’Ucraina deve continuare, determinano la fine della guerra”

I Paesi Bassi devono continuare a sostenere l’Ucraina. In definitiva, spetta alla stessa Ucraina determinare quando la guerra finirà. Così dice Wopke Hoekstra, ministro degli Affari esteri, in una conversazione con tempo di notizie† Avverte che la guerra può durare a lungo e che danneggerà anche i Paesi Bassi.

Il leader del CDA Wopke Hoekstra è ministro degli Esteri da cinque mesi. Dall’inizio della guerra, i Paesi Bassi hanno fornito all’Ucraina armi per difendersi dall’aggressione russa. I Paesi Bassi ora forniscono anche armi più pesanti. Secondo Hoekstra, è importante che il Nord America, l’Europa e quindi anche i Paesi Bassi continuino a fornire queste armi, introducano sanzioni e aiutino alla ricostruzione.

“Devi andare avanti”, dice Hoekstra. “Questa nuova fase richiede anche diversi tipi di armi. Immagina se non l’avessimo fatto: non devi illuderti che l’intero Paese sia stato invaso dalla Russia. Quindi non sarebbe mai finita con Kiev come è adesso è finita.”

Secondo Hoekstra, è impossibile dire quando finirà la guerra. “Alla fine, penso che spetti all’Ucraina decidere quanto durerà la guerra. Sono loro che subiscono le perdite più terribili. Stanno combattendo prima di tutto per la propria pace e sicurezza. Ma con questo, la guerra riguarda anche la pace e la stabilità di tutta l’Europa. È essenziale continuare a sostenerli in questo, non solo moralmente, ma anche geopoliticamente”.

fredda realtà

Secondo Hoekstra, lo scopo delle armi più pesanti è che l’Ucraina sia in grado di difendere il più possibile il proprio territorio. “È importante. La fredda realtà è che dà loro forza sul campo di battaglia, e con essa la migliore posizione possibile al tavolo delle trattative.”

READ  Folle estreme presso aziende energetiche, siti web e app sovraccarichi

Il timore di un’escalation della guerra non può essere escluso, afferma Hoekstra: “Al momento, non abbiamo motivo di pensare che diventerà un conflitto più grande, una guerra più grande. Ma non per niente la NATO consente ai singoli paesi di fornire armi, di dare un contributo sostanziale, ma non di monitorare lo spazio aereo. Ciò significherebbe entrare in conflitto diretto con gli aerei russi. Quindi hai un’enorme possibilità che le fiamme siano nella padella.

L’adesione dell’Ucraina all’UE rimane un argomento di discussione per i Paesi Bassi. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky prevede che l’adesione del candidato verrà assegnata alla fine di questo mese al vertice dell’UE a Bruxelles. Ma finora i Paesi Bassi si sono trattenuti.

Hoekstra afferma che l’azienda guarderà con una mente aperta al giudizio della Commissione europea. “Spetta alla Commissione europea dare un giudizio sensato su ciò che deve essere fatto. Quindi devi essere preparato a guardarlo apertamente come i Paesi Bassi”.

La corruzione in Ucraina, in particolare, è una questione spinosa per i Paesi Bassi e la Germania. Ieri una delegazione ucraina si è recata alla Camera dei Rappresentanti per premere per l’adesione dei candidati. Un ritardo non sarebbe solo negativo per l’Ucraina, ma anche per l’UE, sostengono.

L’Ucraina spinge per l’adesione all’UE

Hoekstra avverte che la guerra potrebbe andare avanti per molto tempo. “Non devi illuderti che se i Paesi Bassi si fermassero con le armi, la guerra sarebbe finita e il sole economico risplenderebbe di nuovo. Devi essere realistico sul fatto che non rischiamo solo di finire in un conflitto molto più lungo, un conflitto di valori sono stati colpiti con la Russia, ma anche che questa guerra potrebbe durare per qualche tempo, e che farà male anche ai Paesi Bassi.

READ  Super fragile, vai alla vaccinazione con Moderna - Cronaca

Secondo lui, spetta al governo garantire che le conseguenze della guerra rimangano sopportabili per la propria popolazione. “Ma bisogna anche essere onesti, questa guerra durerà per un po’. Le conseguenze si fanno sentire in tutto il mondo, compresi i Paesi Bassi. È un’illusione pensare che ce ne libereremo in poche settimane o qualche mese”. .”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *