I comuni italiani pagano le bollette con… multe

I comuni italiani pagano le bollette con… multe

Il ricavato delle multe stradali, destinate a migliorare la sicurezza stradale, viene ora utilizzato dai comuni italiani per pagare le crescenti bollette di luce e gas. “La sicurezza stradale può aspettare”.

Una modifica al cosiddetto decreto di sostegno consente ai comuni di utilizzare i proventi delle multe per eccesso di velocità e i proventi dei parcheggi per coprire le spese di luce e gas prima del 2022. Sono alle stelle a causa dei dispendiosi consumi energetici. Tutto ciò in deroga alle norme del codice della strada che prevedono che i proventi delle sanzioni debbano essere utilizzati per la manutenzione e la messa in sicurezza dell’infrastruttura stradale.

Emergenza

L’urgenza è doppia per i comuni, che in questi mesi devono dare un forte contributo all’avvio dei progetti del piano di risanamento del corona finanziato dall’Europa. L’aumento dei costi dell’energia ha triplicato le bollette e congelato le eccedenze di bilancio per coprire i costi del gas e dell’elettricità.

Costi energetici elevati

Fino al 30 giugno 2022 il comune di Lodi si trovava in una situazione di vantaggio rispetto agli altri comuni italiani, perché aveva un contratto forfettario (tassabile 145 euro al megawattora). Lodi consuma 5,8 gigawatt all’anno (5.800.000 kilowattora). “Nei prossimi sei mesi, prevediamo che il prezzo salirà a 400-420 EUR/megawattora. Bisognerà quindi sborsare circa 1.200.000 euro: 700.000 euro saranno coperti con ciò che resta dei fondi Covid per il 2020 (un decreto ne ha autorizzato l’utilizzo per le spese energetiche); recentemente abbiamo ricevuto 280.000 euro di fondi stanziati dal governo per gli alti costi energetici; pagheremo la differenza con i fondi comunali, nella speranza che i prezzi scendano», spiega l’assessore Simone Piacentini.

READ  Il Club Brugge vede i talenti trasferirsi in Italia

cattivo credito

La decisione di trasferire denaro destinato alla sicurezza stradale sui conti comunali è stata criticata in modo piuttosto negativo. “Chi ha scritto questo emendamento non conosce i bilanci comunali! Secondo la legge, una percentuale di sanzione è inclusa nel bilancio corrente, ma l’altra parte finisce nel “fondo svalutazione crediti” (FCDE – entrate il cui pieno recupero non è certo). Questo è il motivo per cui questi importi non sono disponibili al 100%. Quindi il cambiamento è un piccolo sostegno e non ci permetterà di finanziare pavimentazioni stradali, segnaletica e barriere architettoniche”, aggiunge Piacentini.

Vittime

Diego De Lorenzis, vicepresidente della commissione trasporti della Camera, ha definito pessima questa scelta: “Capisco la necessità di far fronte alle spese eccezionali degli enti locali, e quindi accetto l’utilizzo del ricavato dei parcheggi Ciò che trovo assurdo , tuttavia, è che vengono utilizzate sostanze che potrebbero salvare la vita di migliaia di persone Ogni passo indietro non rende giustizia alle oltre 3.100 vittime e agli oltre 240.000 gravemente feriti che potrebbero essere evitati ogni anno.

Risparmio

Tra le idee attualmente in discussione per far fronte a bollette onerose, ci sono alcune buone proposte. “Il governo utilizza quelli che vengono chiamati crediti d’imposta sulle società. Qualcosa di simile potrebbe essere usato per le congregazioni. Sarebbe inoltre interessante che il governo prevedesse incentivi per l’efficienza dell’illuminazione pubblica. Ci sono comuni che non hanno ancora i LED. Con i LED il risparmio è del 40% e i costi di manutenzione bassi”, afferma Piacentini.

guardaroba autunnale

Nel frattempo è urgente bloccare i prezzi, altrimenti si teme che in autunno esploda una bomba sociale. Non c’è prospettiva di cosa accadrà, soprattutto con l’attuale crisi politica in Italia: il presidente del Consiglio Draghi ha gettato la spugna la scorsa settimana. C’è confusione tra il costo della vita e l’inflazione, ma il 75% dell’inflazione deriva dai costi energetici.

READ  "I ricchi devono restituire". Il Partito Democratico vuole più tasse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *