I danesi non vedono più la corona come una grave minaccia

A Copenaghen, per le strade è ancora lo stesso che in altri paesi: persone con le mascherine ovunque. È difficile immaginare che siano quasi partiti martedì. Mentre le misure corona nel resto d’Europa vengono gradualmente rilasciate, la Danimarca solleverà tutte le misure in una volta la prossima settimana: le mascherine non sono più necessarie, le sale da concerto e le discoteche possono riaprire e il pass corona scomparirà.

Sembra quasi un esperimento, rispetto alle caute misure adottate nei Paesi Bassi: l’UNWTO vuole verificare dopo dieci giorni se il virus corona non si sta diffondendo troppo rapidamente. Ma non è un esperimento, dice Tyra Grove Krause. È responsabile del controllo delle malattie infettive presso l’SSI, il RIVM danese, ed è uno dei più importanti consiglieri del governo danese, un ruolo paragonabile a quello di Jaap van Dissel nei Paesi Bassi. La pubblicazione delle regole si basa, afferma, sui dati raccolti su Omikron: in Europa nessun test nazionale tanto quanto la Danimarca. E si vede: deve essere possibile, vivere senza misure.

I ricoveri ospedalieri non aumentano con le infezioni


La Danimarca ha già abbandonato tutte le misure corona. Era settembre, quando il paese aveva vaccinato il 75% dell’intera popolazione, uno dei tassi più alti al mondo. Il giorno dopo, 50.000 fan hanno ballato a un concerto allo stadio dell’FC Copenhagen. Un concerto così massiccio non è ancora pianificato: i danesi sono più cauti poiché il numero di test positivi raggiunge livelli record. Centinaia di migliaia di persone sono in quarantena perché contagiate.

Tuttavia, la Danimarca si sta preparando per martedì. “Quindi apriremo davvero”, sorride un barista mentre gli ultimi clienti pagano poco dopo le dieci. Il settore della ristorazione deve ancora servire l’ultimo giro alle dieci, un’ora dopo tutti gli ospiti devono lasciare la porta. Molti pub sono quindi ancora chiusi. “Per responsabilità di salute pubblica”, si legge sui loro siti Web o sui cartelli sulla porta. Quelle porte riapriranno anche martedì: qua e là il personale è già impegnato a pulire il bar.

Il capo della SSI Grove Krause avrebbe preferito essere un po’ più cauto nell’abolire le regole. Lei è indietro, ma avrebbe preferito aspettare che l’ondata di contaminazioni avesse raggiunto il picco.

Perché le regole sono state revocate ora?

“In Danimarca, regole di vasta portata possono essere seguite solo se una malattia è ufficialmente classificata come ‘pericolo per la società’. Ciò è accaduto di nuovo lo scorso novembre, quando il numero di infezioni della variante Delta è aumentato e si è dovuto agire di nuovo. Era valido per tre mesi, fino al 1 febbraio. Abbiamo dovuto decidere la scorsa settimana: il Covid è ancora un pericolo per la società? Ciò viene fatto in consultazione con alti funzionari del Ministero della Salute e delle Finanze, tra gli altri. Lo mettono in dubbio, se guardo i numeri posso immaginare qualcosa”.

Ma la corona non è più un pericolo per la società? Più persone sono contagiate che mai e anche molte persone in Danimarca finiscono in ospedale.

“Il rischio di essere ricoverato in ospedale è molto più basso rispetto alla variante Delta. C’è stato anche un forte calo del numero di persone ricoverate in terapia intensiva da metà gennaio, ora i pazienti sono 37. E parte di esso è legato a un reclamo che non è correlato al test positivo. Si vede anche nei servizi infermieristici. Nella seconda settimana di gennaio, solo un quarto di tutti i pazienti con diagnosi di Covid è stato effettivamente trattato per Covid, ad esempio con antivirali. C’è anche un calo della mortalità in eccesso: è aumentata rapidamente nelle ultime settimane del 2021 ed è diminuita nelle ultime due settimane. Crediamo che ciò sia dovuto alla variante Omikron, che ha meno uccisioni.

Credi anche tu che la fine del gioco sia iniziata con il coronavirus?

“Penso che il peggio sia alle nostre spalle. In Danimarca, più del 60% della popolazione totale ha ora ricevuto un booster. Coloro che non sono stati vaccinati sono ora infettati da Omikron. E ci sono molte infezioni rivoluzionarie, che rafforzano ancora una volta l’immunità. Naturalmente, ora sappiamo che gli anticorpi diminuiranno. Ma anche gli esseri umani hanno difese cellulari e sembrano durare più a lungo. Ciò garantisce che le varianti future possano essere adattate meglio. Pensiamo che queste onde saranno più dolci. Dovremo proteggere i più vulnerabili.

Questo si rivela ancora difficile nella pratica.

“Sì, ci sono focolai anche nelle case di cura qui. Cerchiamo di tenerlo fuori testando regolarmente il personale e, in caso di epidemia, testando i residenti quotidianamente. Ma anche la mortalità è più bassa nelle case di cura e sembra che il colpo di richiamo funzioni anche in questo gruppo. Ci aspettiamo una nuova ondata in autunno, dobbiamo tenere conto che un’altra campagna vaccinale sarà necessaria in seguito. Nel frattempo, si stanno sviluppando anche nuove cure per il Covid che si spera di poter utilizzare. »

Quando fu scoperto Omikron, la Danimarca chiuse le sue scuole e anticipò gli orari di chiusura per l’industria della ristorazione. E se ci fosse un’altra variante inquietante?

“Le scuole sono rimaste chiuse solo per una settimana. Non credo che i settori debbano essere chiusi. Non riesco a immaginare che ci sarà una nuova variante che è sia altamente contagiosa che altamente nauseante, e finisce anche sotto l’immunità. Deve possedere queste tre qualità per essere una minaccia per la società.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha recentemente affermato che è “pericoloso” pensare che sia il secondo.

“Oh, ci sarà sicuramente una nuova variante e il virus si è dimostrato molto imprevedibile. Devi essere preparato anche per questo. Stiamo revocando le misure, ma continueremo a monitorare il virus. Ovviamente lo è ancora importante seguire le nuove varianti.Sarà più difficile, ci saranno meno test e quindi mancheremo più contagi.Ma cercheremo di continuare a monitorare il virus incoraggiando le persone a fare autotest più intensi e chiedendo di fare un test PCR se l’autotest è positivo.Nei prossimi mesi lanceremo anche una prova in cui chiederemo a un gruppo di persone di testarsi una volta alla settimana.In questo modo possiamo monitorare la diffusione e anche rilevare nuove varianti .E resta anche importante monitorare se l’efficacia del vaccino sta diminuendo, soprattutto nella popolazione più anziana.

Cosa accadrà se viene scoperta una variante inquietante?

“Vogliamo quindi espandere rapidamente la fonte e la capacità di contatto, per combattere nuovamente il virus in questo modo. E vogliamo anche essere in grado di sviluppare rapidamente la capacità di immunizzazione, se necessario. Abbiamo investito molto nei test in Danimarca e così via sequenziato test positivi quindi sappiamo di quale variante si tratta.

„Abbiamo una dashboard in cui noi tempo reale può monitorare i risultati dei test di laboratorio e i ricoveri ospedalieri o quante persone in una famiglia sono infette per vedere quanto sia contagiosa una nuova variante. Questo ci ha permesso di intervenire tempestivamente in qualsiasi momento. Quando è apparso Omikron, abbiamo rapidamente intensificato la campagna di richiamo. Questo è l’unico motivo per cui ora possiamo farlo: alta copertura vaccinale, anche per il richiamo. »

READ  la merce rubata conserva il credito d'imposta InvestireOggi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *