Sport invernali in Trentino: sole, neve e bollicine sulle piste italiane

Alle 13:00 del pomeriggio gli impianti di risalita italiani sono praticamente spenti. Dove sono improvvisamente finiti tutti questi sciatori e snowboarder? La risposta è semplice: pranzo. L’appassionato di sport invernali italiano non mangia un hamburger veloce e rifugge anche un semplice panino. No, si siederà a godersi un bicchiere di vino locale.

Vetri Ferrari al sole

Nel comprensorio sciistico di Val di Sole le terrazze sono piacevolmente piene all’ora di pranzo. Grazie alla sua posizione sul versante meridionale delle Alpi più alte, qui splende spesso il sole. Ci sono persone sedute con una birra, ma anche abbastanza bottiglie di Trento DOC, lo spumante per cui il Trentino è famoso.

Il fatto che queste bollicine possano competere bene con lo champagne francese è evidente dalla collaborazione tra l’azienda vinicola Ferrari e la Formula 1. Quello che Max Verstappen spara in aria sul podio alla Ferrari Trento è qui rilassato mentre si studia il menu.

“Il pranzo è il pasto più importante della giornata per gli italiani e la maggior parte degli appassionati di sport invernali in questa regione sono gli italiani stessi”, afferma Judith Holtslag, che vive nella regione settentrionale dell’Italia, in Trentino, da oltre trent’anni. Nel 1991 l’olandese lascia Maassluis per il Trentino dove lavora per una stagione invernale in un albergo.

finalmente riaprire

Ha sposato un italiano e ora possiede un negozio di articoli sportivi e a noleggio sci in Val di Sole. A causa dell’epidemia di corona, il noleggio sci ha dovuto chiudere l’8 marzo 2020 e potrebbe riaprire solo il 1 dicembre 2021.

Quindi un periodo difficile. “Eravamo tesi per questa stagione perché non sapevamo cosa aspettarci”, dice Holtslag. Gli appassionati di sport invernali torneranno o semplicemente manterranno la calma? “Eravamo un po’ spaventati, ma era subito occupato”.

READ  "Niente stipendio per tre mesi, è molto comune"

“Penso che più del 70% dei nostri clienti di noleggio sci siano italiani.” Gli olandesi ci sono, ma non in gran numero. “Vedi molto di più i belgi. Lo noti davvero quando hanno le vacanze di primavera in Belgio”.

Crescita lenta del numero di olandesi

Il numero di olandesi sulle piste italiane è leggermente in aumento, osserva Holtslag, ma “non sta andando molto veloce”. Per gli olandesi, l’Austria, che è semplicemente più vicina, è dopo tutto la destinazione per gli sport invernali più visitata.

Secondo i dati del Central Bureau of Statistics (CBS), circa 989.000 olandesi hanno trascorso una vacanza all’insegna degli sport invernali durante la stagione 2019-2020. Tra questi, 625.000 scelsero l’Austria.

Si tratta di oltre il 63%, il che pone l’Austria molto indietro rispetto ai paesi limitrofi di sport invernali. Tuttavia, anche l’organizzazione di viaggio TUI rileva che l’interesse per la regione italiana degli sport invernali è in aumento. “Prima del corona, abbiamo visto aumentare il numero di prenotazioni in questa direzione. Più persone hanno scelto l’Italia per l’atmosfera e il cibo”, ha detto la portavoce Petra Kok.

Barriere coralline pietrificate

Arjen de Graaf, Direttore Commerciale dell’Associazione Sciistica Olandese, aggiunge che il Trentino dispone di “magnifici comprensori sciistici”. Non solo per la vista che si ha da molti pendii sulle Dolomiti, caratteristico gruppo montuoso formato da barriere coralline fossilizzate. Ma anche per il modo in cui sono preparate le piste.

“C’è meno neve in questa regione, perché le zone di bassa pressione che causano precipitazioni rimangono sul versante settentrionale delle Alpi. Semplicemente non attraversano le montagne”, afferma De Graaf.

READ  Jordy Wilken con Wilbert Bo quinto nella CCI4*-L Italia

Neve tecnica trasformata in arte

Il forte sole influenza anche la neve che cade. Ma questo si risolve con i cannoni da neve, che compensano la carenza di fiocchi bianchi. “Gli italiani hanno elevato la ‘neve tecnica’ ad arte”, afferma De Graaf.

Val di Sole – italiano per Valle del Sole – sciatori e snowboarder possono scegliere tra 270 chilometri di piste. Dalle semplici piste blu per riprendersi per un po’, alle piste nere che spezzeranno spontaneamente il sudore della paura a molti.

Dopo la discesa, gli amanti degli sport invernali non ballano sulla tavola del rifugio après-ski. “L’Italia attrae un gruppo target leggermente diverso”, afferma De Graaf. Persone per le quali l’aspetto culinario è più importante dell’après-ski.

Rustico après-ski

“Quando sono venuto a vivere qui all’inizio degli anni ’90, non c’erano affatto rifugi per gli sci”, afferma Holtslag. “Ora sono qui, ma quel vero trambusto non accade qui. Naturalmente, c’è anche l’alcol, ma l’obiettivo non è la festa”.

Dopo un sostanzioso pranzo a base di pasta fresca o la specialità locale “strangolapreti” – gnocchi di pane e spinaci – si torna sulle piste, perché non ci si annoia mai. “Rimane incredibilmente bello”, dice Holtslag. “Sciare con le Dolomiti sullo sfondo è davvero fantastico.”

Per questo articolo, il nostro editore è stato invitato da Visita il Trentino in Val di Sole. Il contenuto dell’articolo è stato determinato in modo indipendente dalla redazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *