I missionari della Consolata consegnano l’ospedale Koelliker a Ersel

Ersel Investimenti sarà l’azionista di maggioranza dell’ospedale Koelliker. La società controllata dalle famiglie Giubergia e Argentero ha stipulato un accordo preliminare che prevede che i missionari della Consolata trasferiscano la proprietà rimanendo presenti nella struttura della società e negli organi di governo, nonché in futuri progetti di ampliamento della struttura.

“Lasciando che la complessa governance imprenditoriale dell’ospedale sia guidata da un partner solido, che sosterrà i suoi ambiziosi progetti di sviluppo, i missionari della Consolata potranno così concentrarsi, nel rispetto del loro carisma, sia sulle iniziative già intraprese,” in sinergia con il Koelliker, nel settore dell’accoglienza e assistenza agli anziani, e sulle diverse opere missionarie nel mondo a favore dei più poveri ”, spiega in una nota la direzione attuale.

Un percorso lavoro-studio all’insegna della continuità: l’ospedale Koelliker e Paideia, fondazione sostenuta dal Gruppo Ersel, ha già collaborato in passato offrendo servizi e assistenza dedicati alle famiglie e ai bambini con disabilità, seguiti da questa organizzazione . “Il profondo legame di Ersel con la città – riferiscono i Missionari – insieme alla concreta attenzione e sensibilità per aiutare i più deboli, ci assicurano che abbiamo trovato il modo migliore per continuare il lavoro svolto fino ad ora e per continuare ad offrire assistenza ed eccellenza. al nostro territorio “.

L’ingresso di nuovi soci consentirebbe di proseguire l’ambizioso percorso di crescita qualitativa e dimensionale dell’ospedale avviato negli ultimi tre anni dall’attuale amministratore delegato, Alberto Ansaldi, che verrà riconfermato nelle sue funzioni con la piena fiducia dei futuri azionisti. Tra i punti dell’accordo, anche il mantenimento degli attuali livelli occupazionali. “La nostra cultura imprenditoriale – dichiara il Gruppo Ersel – si è sempre basata su un modello socialmente responsabile, dove la priorità va alle persone, alla qualità dei servizi offerti e alla tutela dei livelli occupazionali. Una filosofia aziendale che, unita al legame con Torino, solidità finanziaria e visione di lungo periodo, ci ha portato a proporre all’Istituto dei Missionari della Consolata di intraprendere insieme, con entusiasmo, un ambizioso piano industriale “.

READ  Spese sanitarie, invio dati posticipato all'8 febbraio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *