I nuovi record di prezzo sul mercato europeo del pomodoro non dissipano le preoccupazioni

I nuovi record di prezzo sul mercato europeo del pomodoro non dissipano le preoccupazioni

Nei paesi del sud Europa, il mercato del pomodoro a febbraio è tradizionalmente caratterizzato da prezzi in calo a causa dell’aumento dei volumi dovuto alla concorrenza. Quest’anno, come accade da più di un anno nel mercato del pomodoro, è stato tutto diverso.

Molti coltivatori di pomodori dell’Europa nordoccidentale stanno lottando con i prezzi energetici elevati, mentre il virus del frutto rugoso marrone del pomodoro (ToBRFV) a volte colpisce anche i coltivatori. Quindi nessun calo di prezzo in molti paesi, ma un aumento del prezzo del pomodoro. Spagna e Paesi Bassi hanno persino stabilito nuovi record di prezzo. Questo è chiaro da un nuovo aggiornamento del Tomato Scoreboard della Commissione Europea.


Clicca qui per ingrandire

In tutta l’Unione Europea, i prezzi erano superiori del 50% rispetto alla media quinquennale. Un chilo di pomodori costava in media 2,10 euro il mese scorso.


Clicca qui per ingrandire

In Italia e nei Paesi Bassi il prezzo al chilo è ancora più alto. L’Italia esce a 2,20 euro, Paesi Bassi anche a 3,43 euro secondo le statistiche. Il prezzo medio al chilo è addirittura superiore a quello del 2021, in quello che era già un anno speciale per i pomodori. Gli applausi in realtà non forniscono record. La situazione per produttore (che ci sia o meno un buon contratto di gas, che ci sia o meno un virus) è molto diversa e in tutti i casi le preoccupazioni sono grandi, sempre a causa della guerra in Ucraina.


Clicca qui per ingrandire

Spagna è in ritardo rispetto al tabellone segnapunti del pomodoro, anche con una struttura dei prezzi molto diversa. Una media di 1,83 euro è molto più alta del solito a febbraio, ma il prezzo medio al chilo è inferiore alla media europea. Tuttavia, 1,83 è un prezzo molto più alto di quello che è stato sul tabellone segnapunti negli ultimi cinque anni. Un’occhiata tabella dell’anno scorso poi apprende marzo 2021 quando in Spagna ha dato il prezzo più alto.

READ  Oltre venti statue romane uniche trovate in Italia | Scienza


Clicca qui per ingrandire

Belgio non è nel quadro di valutazione, ma l’Associazione delle cooperative orticole belghe (VBT) pubblica i dati. Troviamo la stessa particolare situazione di mercato lì. I volumi sono stati inferiori al normale per tutto l’inverno, a volte anche la metà.

Gli aggiornamenti sulla formazione dei prezzi nei mercati all’ingrosso tedeschi dipingono un quadro dei prezzi simile. Anche qui i prezzi del pomodoro sono molto più alti di prima. Anche nella settimana 9, i prezzi sono stati in molti casi più alti rispetto alle settimane 7 e 8. Rispetto al 2021, c’è anche un piccolo euro 1 o più in aggiunta alla maggior parte dei prezzi. Vedi i numeri BLE qui.


Cifre VBT. Per ingrandire, clicca qui.

Nel prossimo futuro si prevede l’entrata in produzione delle colture tradizionali di pomodori nell’Europa nordoccidentale. Resta da vedere quali volumi saranno commercializzati e quanto saranno alti i prezzi. I prezzi dell’energia estremamente fluttuanti cambiano costantemente la situazione. Con gli attuali costi elevati, oltre all’energia, ad esempio i fertilizzanti, i prezzi di vendita devono essere notevolmente più alti affinché le colture rimangano redditizie. Resta da vedere in che misura e se ciò possa anche frenare i consumi (a parte l’aumento vertiginoso dell’inflazione).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *