I Paesi Bassi pronti a fornire carburante all’Ucraina | Interno

L’Ucraina ha un disperato bisogno di combustibili fossili per combattere l’esercito di Vladimir Putin. Kiev ha presentato a Bruxelles un elenco di richieste per la fornitura di diesel, benzina, cherosene per aerei e generatori.

A nome dei Paesi Bassi, il ministro D66 Jetten ha promesso aiuto durante una riunione divisa con i ministri dell’Energia dell’UE a Bruxelles. Sono già previste consegne da Polonia, Lituania e Repubblica Ceca.

L’Ucraina dipende in parte dalla Russia per il gas e l’elettricità. L’Ungheria e la Slovacchia stanno cercando di garantire che gli ucraini non vengano lasciati indietro attraverso un flusso di gas inverso da ovest a est.

connessione di emergenza

Per essere meno dipendente dai russi, Kiev ha chiesto un collegamento alla rete elettrica europea il prima possibile. “È tecnicamente difficile”, ha affermato il commissario europeo Kadri Simsom (Energia). “Ma è qualcosa di tangibile che possiamo fare per il nostro partner. Lavoreremo con gli operatori elettrici per collegare il sistema elettrico ucraino il prima possibile. »

Bruxelles si aspetta che la stessa Unione Europea possa svernare in sicurezza grazie al gas naturale. Se Putin deciderà di chiudere il rubinetto del gas, l’Europa potrà contare su forniture di emergenza e tutti gli Stati membri hanno elaborato piani di emergenza per ridurre il consumo di gas. Secondo il ministro Jetten, i suoi colleghi non hanno chiesto di aumentare la produzione di gas a Groningen. “Questo non è assolutamente un problema ora e sono contento che la domanda non sia emersa”.

READ  Anche le compagnie energetiche non sanno come dovrebbero pagare la bolletta le famiglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *