Il genero ha sparato e ucciso l’uomo di McDonald’s: “La nostra famiglia è stata distrutta”

Il genero ha sparato e ucciso l’uomo di McDonald’s: “La nostra famiglia è stata distrutta”

Badr era in macchina con sua moglie ieri quando ha visto sui social quello che era successo al McDonald’s. All’inizio, non c’era certamente motivo per lui di pensare che qualcosa non andava nella sua famiglia. “Ho pensato, ora si sta avvicinando. Nient’altro.”

pneumatici criminali

Ma quando hanno letto in un messaggio che si trattava di un ex proprietario di Grillroom Sahara, ha capito che qualcosa non andava. È andato al McDonald’s con altri membri della famiglia. “Siamo ancora sotto shock. Hüseyin aveva cinque figli e due nipoti, Ali tre figli e quattro nipoti. È davvero terribile”.

L’aiuto è subito sul posto, ma l’aiuto non serve più. Il filmato mostra la polizia che ha isolato l’area intorno al ristorante e sta indagando.

Quel che è peggio per la famiglia è che poco dopo la morte del patrigno e del fratello, sono circolate storie sull’ambiente criminale in cui Ali avrebbe potuto trovarsi. Secondo queste storie, Ali avrebbe molti debiti, anche con contatti criminali. Si sarebbe occupato anche dei conoscenti di Huseyin Baybasin, condannato all’ergastolo.

Secondo quanto riferito, Ali è stato attirato da McDonald’s. Il fatto che nell’attacco sarebbe morto anche il fratello Hüseyin sarebbe stato considerato il cosiddetto “danno collaterale”.

“Ali è stato in Olanda per due settimane”

La famiglia respinge le storie sui precedenti criminali di Ali come sciocchezze. “Siamo così scioccati da questo”, afferma Badr. “Sono i due uomini più carini del mondo.”

“Hüseyin è un assistente sociale ed è a disposizione di tutti. Ali ha lavorato nel settore dell’ospitalità per quarant’anni e ora si sta godendo la pensione in Turchia. Ora è nei Paesi Bassi da due settimane per visitare la sua famiglia “Nessuno nel famiglia ha mai avuto un conflitto. Perché legami criminali?”

READ  Non è ancora il suo turno, ma a volte puoi farti ripetere la corona

Anche il genero di Hüseyin trova bizzarro che l’incidente sia avvenuto al McDonald’s. “Ali ha iniziato come manager in un McDonald’s a Zwolle”.

“Non so dove guardare”

Ciò che spaventa la famiglia è che l’azione al McDonald’s era davvero rivolta alla sua famiglia. O almeno così sembra. “Mi metto una mano sul cuore: proprio non sappiamo dove guardare.

L’ultimo giorno è stato un grande shock. E con tutte queste notizie sui legami criminali, di certo non c’è spazio per il normale dolore. “Ci sono stati assegnati due investigatori della famiglia. Sosteniamo le indagini della polizia, ma nemmeno loro si arrendono. Non sappiamo nulla”.

Processo funebre e lutto

Nei giorni a venire sarà soprattutto una questione di attesa. Aspetta che la polizia completi le indagini e rilasci i corpi. “Dobbiamo organizzare tutto per il funerale. Dopo di che probabilmente sarà molto più calmo e ci sarà spazio per il processo di lutto”.

Ma solo allora arriva il dolore, lo sa Badr. “Perché poi le case sono improvvisamente vuote…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *