I pronto soccorso devono chiudere più spesso a causa dell’ondata influenzale

I pronto soccorso devono chiudere più spesso a causa dell’ondata influenzale

Salute06 23 gennaio 17:57Autore: PAPÀ

I reparti di emergenza degli ospedali hanno dovuto chiudere i battenti più spesso del solito nelle ultime settimane, a causa dell’epidemia di influenza nei Paesi Bassi. Il flusso di pazienti dal pronto soccorso a un reparto è stagnante, in parte perché molte persone sono state ricoverate negli ospedali con un’infezione virale, afferma il presidente David Baden dell’Associazione olandese dei medici di emergenza (NVSHA).

I reparti di emergenza degli ospedali hanno dovuto chiudere i battenti più spesso del solito nelle ultime settimane, a causa dell'epidemia di influenza nei Paesi Bassi.
I reparti di emergenza degli ospedali hanno dovuto chiudere i battenti più spesso del solito nelle ultime settimane, a causa dell’epidemia di influenza nei Paesi Bassi. ( ANP/ Hollandse Hoogte / Berlinda van Dam)

Normalmente una persona che finisce al pronto soccorso vi trascorre in media dalle due alle tre ore. Se una persona è troppo malata per tornare a casa, deve essere ricoverata in ospedale. Ma spesso non ha funzionato nelle ultime settimane, dice Baden. Oltre a un numero elevato di pazienti ricoverati in un reparto con un’infezione virale, anche un numero maggiore di operatori sanitari è malato a casa. Questa perdita si aggiunge alla carenza di personale esistente. Infine, è anche più difficile che le persone vengano trasferite dall’ospedale, ad esempio, a una casa di riposo, perché lì si riscontrano gli stessi problemi.

Leggi anche | “Il 90% degli ospedali subirà perdite l’anno prossimo”

Ad esempio, un paziente potrebbe dover attendere fino a 12 ore al pronto soccorso prima che si liberi un posto. Baden: “In questo modo, un letto rimane occupato con noi, il che aumenta il rischio che a un certo punto tu debba chiudere il pronto soccorso”. Ciò significa che il pronto soccorso non è temporaneamente in grado di vedere nuovi pazienti. Le ambulanze devono quindi recarsi all’ospedale più vicino o, in casi estremi, i medici di base devono fornire loro stessi le cure di emergenza più a lungo. “Mentre in realtà sono già troppo occupati.”

READ  Lars rende la matematica sexy su TikTok: "Voglio mostrare alcuni lati divertenti"

Premi Terapia acuta

La pressione sull’assistenza acuta è già aumentata negli ultimi anni, afferma Baden, in parte a causa della crescente carenza di personale. Non c’è una soluzione veloce. “Se l’argine si rompe continuamente, è necessario vedere quali cure possono e non possono essere fornite”. In un caso relativamente innocuo, ciò può significare che una persona con un dito rotto non riceve più sempre una radiografia per vedere come appare la frattura. “Non fa differenza per la salute di qualcuno perché una benda non ha bisogno di essere indossata su un dito del piede.” Qualcuno deve indossare una scarpa robusta per alcune settimane per determinare se l’osso è guarito correttamente.

Leggi anche | Il Parlamento discute i piani di assistenza per acuti, settore critico

È meno innocente se un medico di base decide di lasciare a casa qualcuno con una grave infezione alla vescica un po’ più a lungo, perché non c’è spazio per una valutazione al pronto soccorso. “Spesso va bene, ma a volte qualcuno può ammalarsi così tanto da finire in ospedale per una settimana”. Baden ha già sentito dai colleghi che i pazienti arrivano più malati rispetto al passato perché le cure sono disponibili più tardi. “Il sistema si sta rompendo da tutte le parti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *