I rivali repubblicani si radunano dietro Trump dopo l’impeachment

I rivali repubblicani si radunano dietro Trump dopo l’impeachment

Le vite dei rivali repubblicani di Donald Trump hanno subito un nuovo colpo questa settimana. L’ex presidente ha ricevuto giovedì una seconda denuncia penale, questa volta per possesso illegale di documenti statali riservati, false dichiarazioni e ostruzione alla giustizia. E tutti ricordano cosa è successo con l’ultimo atto d’accusa, ad aprile, quando Trump è salito nei sondaggi per le primarie repubblicane e improvvisamente ha ottenuto molti più soldi dai suoi sostenitori.

Un altro politico probabilmente inciamperebbe in un’accusa del genere, per Trump è carburante. Riesce a convincere i suoi sostenitori che la giustizia è dietro di lui perché combatte la segreta cospirazione burocratica che dice essere la Washington politica: il “Deep State”. Più lo inseguono, dice, più dimostra di volersi liberare di lui perché è il paladino dei “veri americani” – “Io, un uomo innocente”, come scrive nelle sue lettere dalla campagna mendicante. .

Leggi anche: Trump aveva segreti di stato parcheggiati accanto al gabinetto

Il fatto notevole è che la maggior parte dei rivali repubblicani che finora si sono candidati alla presidenza nel 2024, che lo vogliano o no, concordano su questo punto con il loro avversario Trump. Prima che l’accusa stessa fosse resa pubblica, affermavano a gran voce che la giustizia negli Stati Uniti era diventata un’arma nelle mani del Partito Democratico o di attivisti di sinistra come il miliardario George Soros.

Il più vicino avversario di Trump nei sondaggi, il governatore della Florida Ron DeSantis, ha scritto su Twitter che “la trasformazione della giustizia in armi è un pericolo mortale per una società libera”. Per anni abbiamo assistito a un’applicazione squilibrata della legge, basata su convinzioni politiche. Perché sono così fanatici nel perseguire Trump, ma così negligenti nel perseguire Hillary o Hunter? Hunter Biden, figlio del presidente, è ancora indagato per possibile evasione fiscale.

Corruzione

All’improvviso è sembrato molto diverso dalla reazione di DeSantis all’impeachment di Trump in un tribunale di New York ad aprile con l’accusa di aver falsificato documenti finanziari per coprire il denaro nascosto da un’attrice porno. Il governatore della Florida all’epoca disse solo che aveva poco da dire “sull’acquisto di una porno star”. Questo gli è valso immediatamente aspre critiche da parte dei sostenitori irriducibili di Trump. E ha visto andare in fumo una buona posizione nei sondaggi (questo era prima che si candidasse ufficialmente alle elezioni). Da allora Trump è stato avanti di 10-30 punti percentuali nella maggior parte dei sondaggi. Sembra che DeSantis abbia imparato la lezione: non c’è modo di ottenere una nomination senza il sostegno dell’elettorato di Trump.

Per anni abbiamo assistito a un’applicazione squilibrata della legge, basata su convinzioni politiche

Ron De Santis Candidato presidenziale repubblicano

Il governatore del New Hampshire Chris Sununu, che ha recentemente annunciato che quest’anno non si candiderà alla presidenza, ha espresso sorpresa alla CNN per i piedi bassi dei rivali di Trump. “Quando entri in gara, devi battere chi è davanti. Devi abbatterlo. E dato tutto ciò che Trump ha alle spalle, una lista lunga un miglio, ci si aspetterebbe che siano un po’ più aggressivi.

READ  Italia al quarto posto per contagi. Francia, 14mila casi

Legge e ordine

Ecco il dilemma: i suoi avversari stanno cercando di sconfiggere Trump mantenendo i suoi elettori. Da nessuna parte questo è più evidente che nella risposta dell’ex vicepresidente Mike Pence. Ha annunciato la sua candidatura la scorsa settimana, senza alcun effetto evidente sui sondaggi. Nessuno dei nove repubblicani in corsa contro Trump ha lavorato più a stretto contatto con l’ex presidente di Pence. Nessuno di loro ha molto a che fare con lui. Trump ha istigato i suoi sostenitori contro Pence perché non voleva dargli la presidenza il 6 gennaio 2021, ma invece ha appoggiato la vittoria di Biden. Cantando “Impicca Mike Pence!hanno preso d’assalto il Campidoglio.

Il bagno completo scatole di documenti in quella che sarebbe stata la Lake Room del Mar-a-Lago di Trump.
Foto del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti via AFP

Sebbene lo stesso Pence affermi che Trump aveva “sbagliato” quando credeva che il suo vicepresidente potesse semplicemente dargli la vittoria, si unisce anche al coro dei repubblicani che parlano di vergogna per l’indagine penale sul trattamento dei documenti riservati di Trump. Pence ha espresso “profonda preoccupazione” per l’ultima accusa, che ha detto “approfondisce solo la divisione”. Ha anche sottolineato che l’ufficio del procuratore è stato “armato” e che la legge non è applicata allo stesso modo negli Stati Uniti.

Il Partito Repubblicano, ad esempio, è stato tradizionalmente un sostenitore di Legge e ordine, trasformato in un partito che combatte le forze dell’ordine una volta indagato su Trump. Quando l’FBI ha condotto una perquisizione ordinata dal giudice nel caso, praticamente ogni repubblicano ha fatto eco a Trump definendolo “rapina”.

READ  Ultimatum dall'UE all'Ungheria. "Rimuovi la legge sull'omofobia". Leader europei divisi sulla Russia - Corriere.it

Parlando in risposta alla fuga di notizie sulle accuse del “giorno oscuro”, il leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy ha minacciato che “non lo accetteremo”. Ha parlato in termini generici di “misure” che i repubblicani alla Camera vogliono proporre per garantire “giusta giustizia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *