I subacquei trovano il corpo di un turista britannico (51) annegato nel lago di Garda dopo aver salvato suo figlio | All’estero

Il dramma si è svolto il 22 luglio. Il britannico, responsabile vendite del Leicestershire, Inghilterra, aveva noleggiato una barca quel giorno con la sua famiglia per navigare vicino a Limone, una cittadina sulla sponda occidentale del Lago di Garda.

Il figlio quattordicenne di Chada ha avuto problemi mentre nuotava, dopodiché il padre è saltato in acqua e ha spinto l’adolescente verso la barca. Il figlio è stato prelevato dalla madre e dalla sorella di 5 anni, ma Chada non si trovava da nessuna parte.

Martedì, più di tre settimane dopo la scomparsa, le guardie costiere locali hanno trovato il corpo della vittima. Era a una profondità di 316 metri a circa 800 metri dalla riva. “Questo è stato intorno all’area in cui è stato visto l’ultima volta ed è annegato”, ha detto il servizio di soccorso.

Il capo della guardia costiera Antonello Ragadale ha detto che Chada, che descrive come “un eroe”, sarebbe stato malato in acqua. Al momento dell’incidente, la Guardia Costiera ha detto che l’uomo potrebbe aver subito uno shock termico. Quel giorno c’erano 38 gradi, ma l’acqua era almeno dieci gradi più fredda.

La famiglia della vittima, subito informata della sua morte, è tornata nel Regno Unito da pochi giorni e sta ricevendo assistenza psicologica. La famiglia si era recata in Italia per il compleanno di Chada. Avrebbe compiuto 52 anni pochi giorni dopo l’incidente.

READ  Sconfitte storiche per le superpotenze Italia e Inghilterra | Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.