I terremoti di Marte rivelano l’aspetto dell’interno del pianeta rosso (e porta alcune sorprese)

I terremoti di Marte rivelano l’aspetto dell’interno del pianeta rosso (e porta alcune sorprese)

Si scopre che il nucleo di Marte non è solo liquido, ma consiste anche di circa un quinto degli elementi leggeri zolfo, ossigeno, carbonio e idrogeno.

Per anni, il defunto lander Mars Insight ha cercato terremoti. E con successo: il lander ha rilevato più di 1300 terremoti durante la sua vita. I ricercatori hanno ora esaminato più da vicino alcuni di questi terremoti. E questo ha portato alla migliore immagine delle dimensioni e della composizione dell’interno marziano.

L’interno di Marte
Rilevare i Marsquakes non era fine a se stesso, ma piuttosto un modo per comprendere meglio il Pianeta Rosso. Le onde sismiche attraversano la crosta, il mantello e il nucleo del Pianeta Rosso e subiscono cambiamenti sotto l’influenza dei diversi strati all’interno di Marte e dei materiali che li compongono. Studiando le onde e i cambiamenti che subiscono, i ricercatori possono comprendere meglio lo spessore e la composizione di questi strati interni. E così speravano anche di avere un’idea migliore di ciò che si trova sotto la superficie del pianeta (come l’acqua) e di come sono costituiti la crosta e l’interno profondo. Questo a sua volta fornisce informazioni sulla composizione di Marte nel suo insieme e su come si è formato il Pianeta Rosso, ma anche altri mondi rocciosi.

Fine dell’intuizione
Lo scorso dicembre, tuttavia, la NASA ha dovuto porre fine al successo della missione Insight. Il lander, che ha trascorso anni a studiare la struttura interna di Marte, ha gradualmente perso potenza e si è estinto. Da allora, i ricercatori hanno esplorato la ricchezza di dati che Insight ha raccolto con il suo sismometro negli ultimi anni. E in un nuovo studio, i ricercatori hanno studiato due Marsquakes molto speciali, segnando le prime osservazioni dirette in assoluto del nucleo di un altro pianeta.

READ  siamo vicini al PUNTO DI NON RITORNO. Per questo VIROLOGO GALLI è preoccupato »ILMETEO.it

Il sismometro di Insight
Il sismometro che Insight trasporta per rilevare i terremoti ha all’incirca le dimensioni di una pallavolo ed è stato posizionato sulla superficie dal lander stesso. Questo strumento consente agli scienziati di “sentire” eventi sismici a centinaia o migliaia di chilometri di distanza. E misurando questi terremoti, gli scienziati possono saperne di più sui materiali precisi che compongono Marte.

I due terremoti, avvenuti il ​​25 agosto e il 18 settembre 2021, sembravano provenire dal lato opposto del pianeta da cui si trovava il lander – il cosiddetto l’altra parte-tremori. La distanza si è rivelata cruciale: più lontano si verificava un terremoto da Insight, più profonde erano le onde sismiche che attraversavano il pianeta prima di essere rilevate.

Terremoto
Ciò significa che Insight aveva captato le onde sismiche che erano passate attraverso il cuore di Marte, un evento che non era mai stato registrato prima. “Ci sono volute sia fortuna che abilità per trovare e poi ‘leggere’ questi terremoti”, afferma l’autrice principale Jessica Irving. “l’altra partei terremoti sono molto più difficili da rilevare perché molta energia viene persa lungo il percorso. Inoltre, questi due tremori di marzo sono stati tra i più grandi Insight ricevuti. “Se non fossero così grandi, non li avremmo scoperti”, ha detto il ricercatore Bruce Banerdt.

Il nucleo di Marte
Rilevando le onde sismiche che sono effettivamente passate attraverso il nucleo, gli scienziati possono perfezionare i loro modelli di come appare quel nucleo. E la nuova analisi dei due straordinari terremoti marziani ora dipinge il quadro più chiaro del nucleo marziano. Tuttavia, ha riservato alcune sorprese. I risultati suggeriscono principalmente che il nucleo di Marte sia, come precedentemente sospettato, liquido. I ricercatori ora sanno anche di più sulla composizione chimica. Studi precedenti avevano già suggerito che il nucleo dovesse contenere una grande percentuale di elementi più leggeri oltre a ferro e nichel. E ora si scopre che circa un quinto del nucleo liquido è costituito da elementi come zolfo, ossigeno, carbonio e idrogeno. Nel complesso, sembra che il nucleo di ferro liquido di Marte sia più piccolo e più denso di quanto si pensasse.

READ  La teoria di Erikson e il ruolo dell'insegnante nello sviluppo psicosociale degli studenti

Importante
Il fatto che ora abbiamo un’immagine migliore del nucleo di Marte è molto interessante. “Determinare la quantità di zolfo, ossigeno, carbonio e idrogeno in un nucleo planetario è importante”, ha affermato Doyeon Kim. “Espande la nostra comprensione delle condizioni che prevalevano nel nostro sistema solare quando si sono formati i pianeti. Inoltre, fornisce una migliore comprensione di come quelle condizioni hanno influenzato i pianeti che si sono formati.

I risultati, pubblicati sulla rivista professionale Atti delle Accademie Nazionali delle Scienze, evidenziano il grande successo della missione Insight. L’obiettivo principale era studiare l’interno profondo di Marte in modo che gli scienziati potessero capire meglio come si formano i mondi rocciosi, tra cui la Terra e la Luna. E Insight ha mantenuto quella promessa. Per inciso, potrebbero esserci molte altre scoperte in cantiere. Probabilmente ci vorranno decenni prima che tutti i dati che Insight raccoglie con il suo sismometro vengano studiati. E così i ricercatori potrebbero rivelare ancora più sorprese sull’interno del nostro vicino pianeta in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *