Il Belgio dona altri 92 milioni all’equipaggiamento militare ucraino “e non è rottame”

Il Belgio dona altri 92 milioni all’equipaggiamento militare ucraino “e non è rottame”

Il premier De Croo non pensa che il nostro Paese sia inferiore ad altri Paesi. “Siamo allo stesso livello di Francia, Spagna o Italia”.

Per 92 milioni di euro di missili anticarro, missili terra-aria, mitragliatrici pesanti, fucili e munizioni. Il governo federale sta compiendo uno sforzo in più per aiutare militarmente l’Ucraina nella guerra con la Russia. Le armi provengono da scorte della difesa o sono state acquistate dal governo dall’industria degli armamenti belga per la spedizione immediata.

Il ministro della Difesa Ludivine Dedonder (PS) non fornisce dettagli sulle armi, “per motivi di sicurezza”, ma lei e il premier Alexander De Croo (Open VLD) contraddicono fermamente che si tratti di “rottami”. “Non lavoriamo con gli scrappers. Il nostro esercito è ben equipaggiato. Certo, l’attrezzatura viene rinnovata e la nuova attrezzatura è migliore della vecchia, ma ciò che offriamo è perfettamente funzionante.



In totale, il Belgio dispone ora di 238 milioni di euro in aiuti militari, ai quali vanno aggiunti 86 milioni in aiuti umanitari. “Questo ci pone su un livello paragonabile a Francia, Spagna o Italia”, ha detto il primo ministro De Croo.

La Francia teme che i carri armati francesi siano un “dono avvelenato” per l’Ucraina

Prima di allora era già stato deciso di fornire camion ciechi e jeep, veicoli che sarebbero stati comunque sostituiti a breve termine. Ma anche lì il governo è fermo. “Vorrei sottolineare che questi veicoli sono tutti operativi, sono stati riparati o subiranno riparazioni”, ha affermato il ministro Dedonder.

F-16

Sappiamo che l’Ucraina solleverà nuovamente interrogativi, ma se mai dovesse sorgere la domanda di aerei da combattimento, il governo federale metterebbe un freno. Gli F-16 sono il sistema d’arma più complesso che abbiamo. “Non è qualcosa che dici, ‘Domani li metteremo su un camion, li consegneremo e li faremo volare.’ Non funziona così, sono parte di un tutto”, spiega De Croo. Abbiamo anche bisogno degli F-16 per schierarli nella difesa collettiva della Nato.

READ  Perché c'è il pane senza sale al centro Italia

“Tutte le opzioni sono ancora aperte per quanto riguarda i vecchi carri armati Leopard I e altri mezzi pesanti, che il Belgio ha venduto a un trafficante d’armi fino al 2014 e che sono stoccati in un deposito a Tournai”, spiega De Croo. Ma ci sono poche speranze. I vecchi serbatoi oggi non sono più operativi. Il ministro Dedonder ritiene che i trafficanti d’armi facciano pagare “prezzi totalmente irragionevoli” per il suo equipaggiamento.

Diamanti

L’aiuto umanitario fornito dal Belgio viene utilizzato per ambulanze, medicinali e attrezzature mediche, tende e generatori. Inoltre, anche il nostro Paese svolge un ruolo nel congelamento dei beni russi. 191 miliardi di transazioni sono state bloccate, 58 miliardi di asset legati alla Russia sono stati congelati. Ci si chiede ancora come queste risorse potrebbero un giorno essere utilizzate per la ricostruzione dell’Ucraina.

Più difficile è il commercio dei diamanti, punto delicato per il nostro Paese. Il commercio con la Russia è diminuito dell’80%, ma ciò non significa che la Russia esporti meno diamanti. Si sospetta che ci raggiungeranno attraverso e dirotteranno attraverso altri paesi. “Il nostro Paese sta sviluppando un sistema per impedire che l’esportazione di diamanti russi continui attraverso altri canali”, afferma De Croo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *