Il CEO di Tesla Musk sbatte il cane da guardia per “indagini infinite”

Il cane da guardia ha preso di mira Musk perché il boss di Tesla è un critico schietto del governo degli Stati Uniti, scrive l’avvocato di Musk. Tesla accusa anche la SEC di non aver pagato i soldi della transazione nel 2018. Gli azionisti hanno ancora diritto a circa $ 40 milioni, convertiti in circa $ 35 milioni, secondo la lettera dell’avvocato al tribunale di Manhattan.

A quel tempo, scoppiò un grande scandalo quando Musk affermò tramite Twitter che stava valutando la possibilità di rimuovere la sua azienda dalla quotazione e che erano in atto finanziamenti. Questo si è rivelato sbagliato, ma i tweet hanno causato una grande spinta da parte di Tesla. Musk ha quindi raggiunto un accordo con l’autorità di regolamentazione. Ha promesso che gli avvocati controllassero in anticipo tutti i suoi tweet che potrebbero influenzare il prezzo delle azioni Tesla.

Musk e Tesla avevano pensato che risolvere il caso avrebbe assicurato che la SEC avrebbe lasciato in pace la società e il CEO, riporta il canale commerciale americano CNBC. Il tribunale potrebbe quindi pronunciarsi sul rispetto degli accordi raggiunti.

“La SEC ha infranto la sua promessa”, ha scritto l’avvocato di Musk. Secondo l’avvocato di Musk, il cane da guardia vuole anche usare il suo potere per mettere a tacere Tesla e quindi Musk.

READ  Prendere in prestito 20.000 euro di isolamento per risparmiare 450 euro l'anno di energia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *