Il deputato sospeso Gundogan porta il suo stesso partito in tribunale

Il capo della Volt Laurens Dassen ha detto martedì scorso che il caso ruotava attorno

Il leader della Volt, Laurens Dassen, ha affermato martedì scorso che il caso ruotava attorno a “alcuni rapporti che indicano il comportamento transfrontaliero di Nilüfer Gündogan”.Statua Freek van den Bergh

Il 28 febbraio sarà depositata la procedura abbreviata avviata dal sostituto. Gündogan vuole che il suo partito annulli la sua sospensione come membro del partito, ritratta le sue dichiarazioni su un possibile comportamento trasgressivo e paghi un risarcimento. Questo è ciò che hanno detto i suoi avvocati.

Il partito non rivelerà di cosa sia accusato esattamente Gundogan, che è stato sospeso come membro della fazione Volt domenica scorsa. Il leader della Volt, Laurens Dassen, ha affermato martedì scorso che il caso ruotava attorno a “alcuni rapporti che indicano il comportamento transfrontaliero di Nilüfer Gündogan”. Non direbbe di più perché teme che i giornalisti non sentirebbero lo “spazio e sicurezza” per farsi avanti altrimenti.

Conflitto di lavoro

Secondo il parlamentare sospeso, c’è solo una denuncia da parte di una dipendente, che sarebbe stata da lei avvertita per scarso rendimento. Crede che il partito abbia agito in modo frettoloso e sproporzionato per paura di essere accusato di non rispondere immediatamente ai segnali. Gündogan dice di essersi ritrovato in “un incubo”.

In una dichiarazione scritta venerdì, Volt ha negato che ci sarebbe stato un solo reclamo. “Ci sono diversi rapporti provenienti da diversi livelli del partito”. Inoltre, secondo quanto riferito, lo stesso Gundogan si è rifiutato di collaborare alle indagini. “Non ha risposto ai ripetuti inviti dell’agenzia investigativa a discutere le denunce”, si legge nella dichiarazione di Volt. “Ci dispiace che Nilüfer Gündoğan non stia collaborando alle indagini”.

La deputata sospesa, assistita dallo studio dell’avvocato Geert-Jan Knoops, ha chiarito nei giorni scorsi a Volt che il suo nome deve essere scagionato e che il partito deve chiarire che non si è mai parlato di comportamento trasgressivo. Ha anche chiesto che ci fosse una nuova indagine sugli eventi. Non ha fiducia nell’attuale ufficio di ricerca.

Un’altra spaccatura

A causa del crescente conflitto, una spaccatura sembra essere sempre più stretta. Gundogan, che ha ottenuto più di 40.000 voti di preferenza nelle elezioni dello scorso marzo, ha già indicato che rimarrà comunque alla Camera. “Manterrò il mio posto indipendentemente dal corso”, ha scritto in una dichiarazione martedì.

Attualmente ci sono diciannove gruppi politici alla Camera dei rappresentanti. Se Gundogan continua da solo, ce ne saranno venti.

Volt non sa dire per quanto tempo proseguiranno le indagini su Gundogan, vittima di attacchi e minacce via social nelle ultime settimane. Non solo la parlamentare è stata sospesa come membro del partito, ma è stata anche istruita dalla dirigenza del partito a non contattare i dipendenti, parlare ai media o pubblicare qualsiasi cosa sui social media.

Per Volt, il conflitto con il proprio deputato è la prima grande crisi nella storia del partito. Nelle ultime elezioni legislative il partito ha ottenuto tre seggi e, secondo gli ultimi sondaggi, Volt potrebbe contare su buoni risultati anche alle prossime elezioni comunali. Il nuovo partito partecipa in dieci città.

READ  Dalla Toyota alla Tesla Model 3: l'anno elettrico di Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *