Il filosofo Wouter Kusters sostiene una “risposta congelata” al cambiamento climatico

Il filosofo Wouter Kusters sostiene una “risposta congelata” al cambiamento climatico

“Le persone reagiscono al cambiamento climatico con l’idea di dover fare qualcosa. Ma penso che il congelamento – in risposta alla paura del cambiamento climatico – stia accadendo troppo poco”, dice il filosofo, che ha pubblicato il libro il mese scorso. Shock Effects – Filosofare in tempi di cambiamento climatico pubblicato.

Stress pre-traumatico

Kusters: “Non è solo la paura di qualcosa che puoi evitare, è la paura della morte. Ed è inevitabile. Come lo affronti? Non combattendo e diventando immortale. una paura esistenziale, che abbiamo tutti. Tu non può vincere questa battaglia.

Secondo Kusters, congelare significa: ottenere uno stimolo e non reagire ad esso, ma lasciare che agisca su di te. Kusters definisce anche la catastrofe climatica una reazione di stress pre-traumatico, o lutto per qualcosa che non è ancora accaduto.

Kusters: “Il lutto porta anche a una trasformazione di te stesso e, cambiando radicalmente in qualche modo, sei appena stato nel mondo in un modo diverso. Quindi le tue azioni sono ben radicate e ti danno un senso di scopo. essenziale. senso di chi sei e di cosa si tratta. Invece di essere un problema tecnico che risolveremo con poche misure.”

READ  Impatto della reclusione sulla salute mentale: ''Mi sento come se mi stessi perdendo''

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *