Il gabinetto cerca miliardi a causa dell’aumento degli interessi e dei costi di supporto energetico

PAPÀ

Notizie ONS

Il governo dovrà cercare diligentemente diversi miliardi nei prossimi mesi per ristabilire l’equilibrio delle finanze. I sostegni energetici annunciati, come i price cap, gravano pesantemente sul budget. Inoltre, l’aumento dei tassi di interesse significa che il governo potrebbe perdere più di altri 9 miliardi di euro all’anno.

Lo afferma il memorandum autunnale che il ministro delle Finanze Kaag ha inviato oggi alla Camera dei Rappresentanti. Questo inventario delle finanze del paese mostra che spese e entrate non sono più in equilibrio. La copertura delle spese più importanti deve essere trovata nel bilancio attuale, il che sembra voler dire che altre voci devono essere tagliate.

“Se le spese non sono coperte, il conto verrebbe trasferito alle generazioni future e c’è il rischio che il governo alimenti l’inflazione”, dice Kaag.

“Vedilo come un avvertimento che non tutto è più possibile”, dice Kaag del Memorandum d’autunno:

Kaag: Questo è un preavviso

C’è un piccolo affare. Molti ministeri hanno speso meno denaro di quanto pianificato finora quest’anno, ad esempio perché i progetti non possono essere realizzati a causa della mancanza di personale. Questa cosiddetta “sottospesa” ammonta ora a 2,7 miliardi di euro e potrebbe essere anche superiore. Ma la domanda è se questo è sufficiente per coprire tutti i buchi.

Supporto energetico

Per pagare queste misure, le aziende del settore fossile, come le compagnie petrolifere e del gas, pagheranno una tassa sui loro profitti in eccesso. Questo dovrebbe portare a 3,2 miliardi di euro. Anche i produttori che producono elettricità con centrali solari, eoliche o nucleari ricevono una tassa perché possono facilmente realizzare profitti elevati a causa degli alti prezzi dell’elettricità.

Non si sa ancora quanto questo porterà, ma si stima che siano necessari altri 7,5 miliardi di euro per coprire il sostegno energetico. E questo potrebbe aumentare se i prezzi dell’energia aumentano ulteriormente, avverte Kaag.

Salgono i tassi di interesse sul debito pubblico

Ora c’è un nuovo problema: per la prima volta da molto tempo i tassi di interesse sono di nuovo in rialzo. I giorni in cui si prendeva in prestito denaro quasi gratis sono finiti. Lo stesso vale per gli interessi pagati dal governo. I prestiti in scadenza devono essere rifinanziati a tassi di interesse più elevati.

Di conseguenza, il governo ha perso più denaro: secondo Kaag, questo può raggiungere da 5,8 a forse 9,2 miliardi di euro all’anno. Il gabinetto vuole decidere la prossima primavera come coprire queste maggiori spese per interessi.

piscine

Nuove misure di sostegno sono previste anche nel Memorandum d’Autunno per scuole, istituzioni culturali e associazioni. Riceveranno denaro aggiuntivo il prossimo anno per assorbire l’inflazione. Ciò è necessario perché la regolare indicizzazione dei sussidi ai prezzi ha avuto luogo prima dei forti aumenti dei prezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.