Il giudice deve prendere in considerazione la data delle scuse per la schiavitù passata giovedì

Il giudice deve prendere in considerazione la data delle scuse per la schiavitù passata giovedì

L’avvocato Joanncy Breeveld sta preparando la sintesi per conto delle fondazioni Wi Kon Na Wan, Mart Radio, Eer en Herstel e filosofia di vita e spiritualità afro-caraibica. Anche la Keti Koti Foundation andrà in tribunale.

La procedura sommaria si svolge all’Aia.

Le organizzazioni si sentono umiliate dal modo in cui le scuse sono state preparate dal governo. “Prima di tutto, non sono conosciuti nel processo decisionale. È nata l’idea che le loro opinioni, punti di vista e sentimenti sarebbero stati presi in considerazione nel processo”, afferma Breeveld.

Inoltre non è bene che il gabinetto non abbia atteso le varie inchieste tuttora in corso e quella proposta dalla famiglia reale.

Alla fine del mese scorso, è trapelato che l’azienda intendeva scusarsi il 19 dicembre. Ciò ha portato alla frustrazione di politici, attivisti, organizzazioni e altri che avrebbero voluto essere maggiormente coinvolti.

“Momento significativo”

Ad esempio, il 1 luglio sono passati esattamente 160 anni da quando la schiavitù è stata ufficialmente abolita. Questa data è di grande importanza simbolica per molti, il 19 dicembre no.

Il 19 dicembre il primo ministro Mark Rutte non ha confermato le scuse. In precedenza aveva detto solo in risposta alle domande che il 19 dicembre sarebbe stato “un momento significativo”.

READ  Le emissioni di azoto devono essere ridotte del 70-80% in alcune regioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *