Il governo ei proprietari delle stazioni di servizio si incolpano a vicenda per gli alti prezzi della benzina italiana

Il governo ei proprietari delle stazioni di servizio si incolpano a vicenda per gli alti prezzi della benzina italiana

Il governo ei proprietari delle stazioni di servizio si incolpano a vicenda per gli alti prezzi della benzina italiana

Questo capodanno è uno choc per gli italiani: alla pompa improvvisamente devono pagare più di 1,80 per litro di benzina e circa 1,85 per il gasolio. Alla fine dello scorso anno, i carburanti costavano in media due centesimi in meno. Molti utenti della strada sono stufi. Inveiscono sui social media e alla radio contro i gestori di stazioni di servizio “ladri” e “fraudolenti”.

Ora, la Guardia di Finanza italiana ha infatti più volte dimostrato quanto possano essere furbi i gestori di distributori di benzina. Alcuni ingannano i loro clienti regolando le loro pompe in modo che non sputino un litro intero, ma un po’ meno.

Sconto andato

Ma gli attuali aumenti dei prezzi non hanno nulla a che fare con questo. Il motivo è che il governo del premier Giorgia Meloni non ha prorogato la riduzione delle accise su benzina e gasolio introdotta dal precedente governo nel 2022 a causa dell’elevato prezzo del petrolio. Lo sconto è scomparso il 1 gennaio. Per questo gli automobilisti pagano ancora una volta un prezzo elevato: oltre il 50% del prezzo alla pompa va all’Erario sotto forma di accise e IVA.

Tuttavia, la comunicazione dell’azienda su questo è stata decisamente confusa. Ad esempio, il ministro dei Trasporti Matteo Salvini sa dei prezzi più alti per i “proprietari speculativi dei distributori di benzina”. Per motivi non chiari, molti italiani hanno appreso che benzina e gasolio sono improvvisamente molto più costosi perché il governo avrebbe aumentato le accise, anche se in realtà è scaduto solo un regime che non si applica e che è temporaneamente scaduto.

Olio sul fuoco

L’opposizione ha gettato benzina sul fuoco scovando un video della campagna elettorale del 2019 della Meloni in cui lei sbuffa, seduta in macchina: “Se fai il pieno a 50 euro, 35 di questi vanno allo Stato! Vergogna! Voglio abolire questa accise!

Per calmare gli animi, la scorsa settimana il presidente del Consiglio ha dovuto spiegare ai principali telegiornali che “il mondo è cambiato dal 2019” e che non può più ammortizzare le accise perché costano troppi miliardi. Inoltre, martedì scorso il suo governo ha richiesto ai proprietari delle stazioni di servizio di elencare i prezzi medi nazionali della benzina insieme ai propri prezzi.

Potrebbe avere un effetto calmante sull’elettore di rifornimento, ma ha spinto i 22.000 proprietari di distributori di benzina nel boom. Dicono di sentirsi umiliati dal governo e stanchi dei continui insulti da parte dei clienti. Se la Meloni non chiarirà entro due settimane che non sono i benzinai ma lei e il suo gabinetto a far salire i prezzi della benzina, scioperano per due giorni.

Leggi anche:

In Italia gli esercenti potranno presto richiedere il pagamento in contanti

I commercianti italiani che amano la contabilità creativa saranno contenti del loro nuovo governo. Perché Giorgia Meloni e il suo gabinetto nazionalista di destra vogliono eliminare la possibilità di poter sempre pagare importi inferiori elettronicamente.

READ  Le Ferrari inseguono Max Verstappen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *