Il governo inizia a malincuore a tenere un registro antiriciclaggio

Il governo inizia a malincuore a tenere un registro antiriciclaggio

Circa il 40% di tutte le società e organizzazioni non ha ancora dichiarato il proprio “beneficiario finale”. Di conseguenza, circa 700.000 proprietari rimangono sotto il radar. È molto più del previsto. In una lettera al parlamento, il ministro Kaag ha scritto che il numero dei nomi scomparsi era stimato in 120.000.

Ora che molti più imprenditori eludono l’obbligo di registrazione, non c’è abbastanza personale per far rispettare il requisito. Quindi le scelte devono essere fatte, dice Kaag. Ciò significa che viene data priorità alla repressione nei settori in cui i rischi di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo sono i più elevati.

Causa sulla privacy

Un altro fattore è che la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti ha chiesto solo “un’applicazione basata sul rischio” in attesa di una sentenza sul registro UBO della Corte di giustizia europea. Questo caso riguarda la questione se il registro UBO lussemburghese non violi il diritto al rispetto della vita privata. Anche imprenditori olandesi provato per bloccare il registro con questo argomento inutilmente.

Di conseguenza, il governo olandese è riluttante a imporre multe e ordini di servizio alla comunità. Inizialmente, l’Economic Enforcement Bureau invierà una lettera di avvertimento solo a 500 organizzazioni che non hanno indicato il loro proprietario. Questi vanno, ad esempio, alle aziende che commerciano beni costosi o operano in un settore con molti soldi.

Altre mille lettere seguiranno il mese prossimo. Nei mesi successivi vengono inviate alla casella di posta duemila lettere al mese. Di questo passo, passeranno quasi trent’anni prima che tutti i proprietari che ora rimangono sotto il radar ricevano un avviso.

READ  Entra anche Luigi Berlusconi- Corriere.it

Se, due settimane dopo l’avviso, una società non ha ancora fornito un “titolare effettivo finale”, l’esecutore testamentario chiamerà e informerà il proprietario che il proprietario deve essere registrato. Se ciò ancora non accade, possono essere comminate sanzioni.

“Il mondo sottosopra”

Per l’organizzazione per la privacy Privacy First, l’applicazione esitante è un passo troppo avanti. “Siamo contrari al principio di un registro UBO pubblico. Questo è anche l’argomento del caso europeo. Capisco che le persone siano in attesa di compilare fino a quando la Corte europea non chiarirà”, afferma l’avvocato Otto Volgenant, che ha promosso cause contro l’introduzione nel primo nome privacy del registro. “Quindi aspetta con l’app fino a quando non sarà emesso il verdetto.”

In questo non ha complici nella persona di Jesse Renema, project manager della Open State Foundation. “Il mondo è sottosopra. La privacy viene utilizzata come cortina fumogena. Pochissime informazioni sui proprietari sono pubblicamente disponibili nel registro UBO. È stato concordato a livello europeo che questo è un passo importante nella lotta al riciclaggio di denaro e alla corruzione . Dobbiamo anche occuparci di quello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *