Il governo italiano vuole reprimere il turista che ha graffiato il Colosseo: ‘Disgustoso e offensivo’

Il governo italiano vuole reprimere il turista che ha graffiato il Colosseo: ‘Disgustoso e offensivo’

Il governo italiano vuole reprimere il turista che ha graffiato il Colosseo: ‘Disgustoso e offensivo’
Il Colosseo a Roma.  Punto di accesso alle immagini

Il Colosseo a Roma.Punto di accesso alle immagini

“È l’abitudine ripugnante di molti turisti che visitano la Città Eterna”, ha detto il quotidiano italiano Il Messaggero: Incidi il tuo nome nel Colosseo. Per scoraggiare questa pratica, il governo italiano ora vuole fare un esempio del vandalo che è stato colto sul fatto da un altro turista la scorsa settimana. L’aggressore, Ivan, 27 anni, inglese, è stato identificato dalla polizia italiana ed è sospettato di aver danneggiato il patrimonio culturale e aver violato i regolamenti della polizia locale.

Un turista americano ha filmato l’uomo la scorsa settimana mentre incideva “Ivan + Hayley 23” in un muro dell’anfiteatro con una chiave. Nel video che l’americano op Youtube e Reddit postato, si rivolge all’uomo, “Dici sul serio? Questa è una sciocchezza, stupido figlio di puttana. L’uomo sorride timidamente alla telecamera, finendo la sua iscrizione.

Le guardie del Colosseo non hanno potuto gestire la storia dell’americano perché non l’avevano visto accadere loro stessi. Ma il suo video è stato rapidamente ripreso online e ha persino provocato una reazione da parte del governo italiano.

Il ministro del Turismo Daniela Santache ha auspicato che il turista venga punito “in modo che comprenda la gravità del suo gesto”. Ha chiesto rispetto per la cultura e la storia italiana, dicendo: “Non possiamo permettere che le persone che visitano il nostro Paese si sentano libere di comportarsi in questo modo”. Il suo collega, il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, ha definito l’atto “profondamente perverso, inappropriato e segno di grave maleducazione”.

La polizia italiana ha riferito giovedì che l’identità dell’uomo era stata stabilita sulla base di immagini e altre prove, ma ha detto solo che si trattava di un uomo inglese. Il tabloid britannico Mail giornaliera è stato meno sobrio, citando sia il nome che il cognome dell’uomo e della sua ragazza, nonché il loro luogo di residenza e la palestra dove Ivan avrebbe dovuto lavorare. Il giornale è persino andato a casa loro, dove non c’erano, ed è andato a dirlo ai genitori della donna. Entrambi attualmente risiedevano in Bulgaria.

“Applicazione rigorosa della legge”

In risposta all’identificazione dell’autore, Sangiuliano parla di “un atto offensivo per chiunque nel mondo apprezzi il valore dell’archeologia, dei monumenti e della storia”. Auspica una “rigorosa applicazione della legge” e annuncia che il suo ministero parteciperà come parte in causa a qualsiasi processo.

È almeno la quarta volta quest’anno che un turista provoca danni al Colosseo. Uno incide il suo nome su un muro, l’altro vuole portare con sé un pezzo di una delle nuove sette meraviglie del mondo. Nel 2014 un turista russo è stato multato di 20.000 euro dopo aver inciso la lettera “K” sul monumento.

L’organizzazione del settore Federturismo prevede che quest’anno l’Italia accoglierà un numero record di turisti. Questo non causa solo problemi al Colosseo. Il Messaggero scrive che alla Fontana di Trevi i turisti si bagnano i piedi, attraversano la fontana, fanno pic nic non autorizzati e gettano rifiuti per terra. “I pochi agenti presenti stanno cercando di fare il possibile di fronte alla massa affollata e disordinata di turisti”, ha detto il giornale. “Un’altra mutilazione del patrimonio storico e artistico di Roma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *