Il governo non condivide ulteriori informazioni sull’accordo Sywert, nonostante l’appello della Camera: ‘Prima ricerca aggiuntiva’ |  Politica

Il governo non condivide ulteriori informazioni sull’accordo Sywert, nonostante l’appello della Camera: ‘Prima ricerca aggiuntiva’ | Politica

Relazione di fattoNonostante l’urgente richiesta da parte della Camera dei Rappresentanti di una nuova dichiarazione dei fatti sul controverso accordo Sywert, non ci sono ora ulteriori informazioni. Il gabinetto vuole prima aspettare un audit in corso, ma i gruppi politici stanno diventando impazienti. “Siamo al guinzaglio.

La Camera dei rappresentanti ha chiesto un nuovo record di fatto sull’accordo Sywert, ma lunedì pomeriggio il ministro Conny Helder per l’assistenza a lungo termine e lo sport (VVD) ha indicato che per il momento non sarebbero state condivise ulteriori informazioni. “Escludere parte del rapporto fattuale non renderebbe giustizia alla cura e alla completezza dell’indagine (di Deloitte). Pertanto, sfortunatamente non sono in grado di condividere una dichiarazione di fatto mentre l’indagine è in corso I parlamentari, tuttavia, riceveranno un’ulteriore spiegazione sull’audit in corso del controverso ordine da un milione di dollari, promette Helder.

Molte parti non saranno soddisfatte di questo. “Non ho bisogno della ricostruzione completa, voglio solo sapere esattamente quale sia stato il coinvolgimento di De Jonge”, ha affermato il deputato del PvdA Attje Kuiken. “De Jonge può dire alla stampa riunita cosa pensa degli articoli di giornale, quindi è consentito anche in parlamento”.

Domani la Kuiken presenterà una richiesta per un dibattito sulla questione, vuole invitare l’attuale ministro responsabile e la stessa De Jonge, che ora si occupa di alloggi sociali. “Mi sento come se fossimo trattenuti. Questa indagine va avanti da mesi. E diventa solo più brutto. Non va bene se persistono falsità o informazioni incomplete.

Ascolta anche il nostro nuovo podcast Politics Close

READ  Il cashback fa volare Satispay: "Diventeremo primi in Italia"


La settimana scorsa si è scoperto che Hugo de Jonge era ben coinvolto come ministro della Salute con la predisposizione del contratto megamaschera con Sywert van Lienden. In una serie di richieste, il ministro sta incoraggiando il suo alto funzionario a esplorare ulteriormente l’opzione di Van Lienden come grossista.

L’ex preside ha affermato a gran voce nel corso delle settimane di poter fornire all’intero sistema sanitario olandese un buon equipaggiamento protettivo. ) con un po’ di tolleranza, dovrebbe funzionare. Spero davvero che funzioni.

In precedenza, Van Lienden aveva incontrato porte chiuse con il governo, ma dopo l’intervento politico ai massimi livelli, il collega di partito di De Jonge ha avuto ampie opportunità per la missione.

Anche il deputato del PVV Fleur Agema è favorevole a un rapido dibattito parlamentare: ,, De Jonge ha detto un anno fa: no, non sono coinvolto nell’accordo. Ora è stato dimostrato che è diverso, ha appena dato una spinta a Van Lienden.

L’affare è esploso lo scorso anno, quando si è scoperto che lo stesso Van Lienden aveva lasciato più di nove milioni sull’ordine di 40 milioni di tappi per 100 milioni di euro. Il mondo esterno ha visto un nobile benefattore in tempi di crisi, ma nel frattempo Van Lienden ha realizzato un profitto di milioni. Sulla vicenda sta attualmente indagando la procura, alla Camera i partiti criticano principalmente il ruolo di De Jonge, collega di partito di Van Lienden.

READ  Forno pulito e ciabattine: ecco come si riduce la bolletta

L’articolo continua dopo la foto

PAPÀ

© ANP

I parlamentari dimostrano di comprendere il fatto che il governo ha fatto di tutto per introdurre le mascherine, ma affermano che le persone coinvolte dovrebbero raccontare immediatamente la storia completa: “Se non riferisci semplicemente come è successo in passato, diventerà un problema più grande in seguito su.”, ha detto Kees van der Staaij di SGP già la scorsa settimana.

In risposta alle precedenti domande dei media in merito, De Jonge ha sempre detto che non era il suo portafoglio, che “non era coinvolto” nell’affare. Ciò non risultava nemmeno dalle precedenti risposte alle interrogazioni parlamentari. In due serie di risposte, l’allora ministro Tamara van Ark (VVD, Medical Care) non ha scritto una parola sulle app tra De Jonge e il suo funzionario nel giugno 2021.

Ma il motivo per cui queste informazioni mancavano l’anno scorso non è chiaro in questo momento. Ma se la maggioranza è favorevole a un dibattito domani, il gabinetto non può ignorarlo.

L’anno scorso a De Jonge era già stato chiesto se fosse coinvolto nella vicenda delle maschere per la bocca.

ANNA/ANNA

© ANP / ANP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *