Il governo non vuole che l’istruzione e l’assistenza all’infanzia siano completamente vicini alla nuova ondata di corona

Il governo non vuole che l’istruzione e l’assistenza all’infanzia siano completamente vicini alla nuova ondata di corona

Fasi della pandemia

In diversi scenari, dal verde scuro al rosso, sono state elaborate le fasi che l’educazione attraversa nelle diverse fasi della pandemia. Anche nel peggiore dei casi, alcuni studenti continuano a frequentare la scuola o l’asilo nido. L’altra parte riceve un’istruzione a distanza digitale o riceve i compiti. Gli studenti si alternano.

Il piano non dice nulla sulla priorità del personale docente in un nuovo ciclo di vaccinazioni, secondo gli addetti ai lavori. Il ministro della Salute, Ernst Kuipers, ha affermato che gli insegnanti non erano una priorità perché sarebbero piaciuti anche ad altri gruppi professionali. Kuipers pensa che dopo tutto abbasserebbe il tasso di vaccinazione.

Non felice

La General Education Association (AOb) afferma in una reazione di non essere soddisfatta dei piani. “Non è vincolante”, ha detto un portavoce. “Nessuna conseguenza con ventilazione insufficiente, nessuna protezione del reddito per le persone con covid polmonare, nessuna priorità nella vaccinazione. Questo non è un buon piano”.

Giovedì, il ministro Dennis Wiersma (Istruzione) ha presentato ulteriori 140 milioni di euro per le scuole con “la situazione di ventilazione più urgente”. Il governo aveva precedentemente stanziato 460 milioni di euro per migliorare la ventilazione nelle scuole.

READ  23,2 gradi raggiunti, domani splenderà abbondante anche il sole | interni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *