Il governo vede poche opportunità di fare qualcosa per il potere d’acquisto quest’anno

Il governo vede poche opportunità di fare qualcosa per il potere d’acquisto quest’anno

Il governo non vede molte opportunità di fare qualcosa quest’anno per migliorare il potere d’acquisto dei redditi bassi e medi. Il primo ministro Rutte e il ministro delle finanze Kaag affermano che in risposta alle cifre del Ufficio Piano Centrale (CPB), che mostra che 1,2 milioni di famiglie rischiano di finire nei guai a causa dell’aumento dei prezzi.

“Sei scioccato quando vedi questi numeri”, dice Kaag, “ma non dovremmo essere sorpresi”. I numeri non sono “del tutto inaspettati” neanche per Rutte. “Mostra ancora una volta l’impatto dell’aumento del costo della vita su grandi gruppi nella società. Il problema è molto importante”, afferma.

“Dobbiamo continuare a monitorare l’evoluzione dei dati nel prossimo periodo”, pensa Rutte. Vuole vedere cosa è possibile, ma mette in guardia dal creare aspettative troppo alte. “Stiamo già facendo molto. Non c’è molto da fare nell’anno in corso”.

Kaag è d’accordo. “Poco o nulla è possibile. Abbiamo attivato praticamente tutti i pulsanti a nostra disposizione. Ma dobbiamo tenere d’occhio le persone che non possono”.

Salario minimo in aumento

Il governo ha già presentato un pacchetto di misure a sostegno del potere d’acquisto. Ad esempio, i redditi più bassi ricevono un bonus una tantum di 800 euro a titolo di compensazione per i prezzi elevati dell’energia e le accise sui carburanti sono state ridotte. Anche il salario minimo aumenterà e l’AOW vi sarà legato.

Questo pacchetto vale 6 miliardi di euro. “È davvero importante”, dice Rutte. Al contrario, il CPB avverte che le misure adottate non sono sufficienti. Per molti minimi non bastano 800 euro e l’indennità non arriva a tutti coloro che ne hanno bisogno.

READ  Tutto non sarà più costoso quest'anno: burro, latte e uova sono diminuiti di prezzo | Economia

Rutte sottolinea che lo “stress test” del CPB si basa sulla situazione alla fine del prossimo anno. Sebbene quest’anno veda poco spazio per le riparazioni, ad agosto il gabinetto discuterà il budget per il 2023 e considererà misure aggiuntive per mantenere il potere d’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *