Il maltempo in Italia non è ancora finito

Il maltempo in Italia non è ancora finito

Danni alluvionali vicino al Lago di Como. Immagine: ANP/EPA/MATTEO BAZZIA

L’Italia continuerà a soffrire di condizioni meteorologiche estreme nei prossimi giorni. Soprattutto in Appennino si ripresentano forti piogge e temporali, che si accompagnano in breve tempo a molte precipitazioni. Non è solo l’Italia a sospirare in condizioni meteorologiche estreme. C’è anche maltempo altrove in Europa centrale.

Negli ultimi giorni, in particolare il nord Italia è stato caratterizzato da forti piogge e temporali. In breve tempo sono cadute forti piogge, provocando allagamenti locali. Inoltre, localmente si sono verificati anche grossi chicchi di grandine, a volte anche di 10 centimetri.

Leggi qui perché molta acqua piovana nelle regioni montuose è estremamente pericolosa.

Prendi mezzo metro di grandine

Non solo il nord Italia, ma anche Germania e Austria hanno dovuto fare i conti con il maltempo. Domenica si è sviluppata un’enorme grandinata nella Germania meridionale vicino all’Algovia. I chicchi di grandine si sono persino accumulati fino a un’altezza di mezzo metro.

Le docce si spostano nei Balcani

Il maltempo nella regione non è ancora finito. Pioverà molto, soprattutto sugli Appennini. La maggior parte della pioggia cadrà sui Balcani nei prossimi giorni. Da giovedì passeranno rovesci attivi con precipitazioni locali. Fino a venerdì compreso, all’interno della Croazia possono cadere più di 100 millimetri di precipitazioni. Anche la Grecia settentrionale dovrà affrontare forti acquazzoni. I vacanzieri delle isole devono quindi fare i conti con condizioni meteorologiche variabili.

Durante il fine settimana, le piogge lasceranno l’Italia e la temperatura aumenterà gradualmente. C’è quindi molto spazio per il sole e la possibilità di docce è molto più bassa. Il tempo sta migliorando gradualmente anche nei Balcani.

READ  Messina, donna e figlio sono scomparsi dopo un incidente stradale

Visualizza previsioni meteo dettagliate per diverse destinazioni europee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *