Il mercato azionario russo riapre parzialmente con rigide restrizioni

Il mercato azionario russo riapre parzialmente con rigide restrizioni

Le negoziazioni alla Borsa di Mosca sono riprese dopo un mese. Alcuni dei fondi possono essere nuovamente scambiati con restrizioni rigorose. Il mercato azionario russo è salito del 10% dopo l’apertura. Non è chiaro fino a che punto il governo russo stia effettuando acquisti di supporto per mantenere alti i prezzi.

Il giorno in cui è iniziata l’invasione russa, il MOEX, l’AEX russo, è sceso del 33%. il giorno dopo c’è stata una certa ripresa, ma dopo lo scambio è stato chiuso per settimane.

Con restrizioni, stamattina le negoziazioni sono riprese, nel tentativo di limitare il più possibile i potenziali ribassi dei prezzi. Ad esempio, è possibile negoziare solo 33 titoli su 50, è vietato scommettere sul calo dei prezzi (vendita allo scoperto) e agli investitori stranieri non è consentito vendere azioni. Secondo la borsa valori russa, prima della guerra la maggior parte degli scambi veniva effettuata da investitori stranieri.

Anche il trading di oggi è più breve del solito, poco più di 4 ore.

L’indice azionario russo MOEX si trova a 2650 punti dopo mezz’ora di negoziazione, un guadagno di oltre il 7%. Poco prima dell’invasione, l’indice MOEX era ancora a 3100 punti.

Gas per rubli

Il presidente russo Putin ha annunciato ieri che i “paesi ostili” dovranno pagare il gas che acquistano dalla Russia in rubli, anziché in dollari o euro. Questa misura sembra essere intesa a sostenere l’economia russa. Dall’invasione dell’Ucraina, la valuta russa ha continuato a deprezzarsi e l’inflazione è in aumento nel paese. A febbraio, l’inflazione in Russia era del 9,2%,

READ  Il proprietario della borsa di Amsterdam cancella sei società

Costringendo i paesi a pagare il gas in rubli, la domanda di valuta aumenta e con essa il suo tasso di cambio.

Resta da vedere come reagiranno i grandi acquirenti alla proposta russa. L’Italia ha detto che continuerà a pagare in euro e il più grande acquirente d’Europa, la Germania, afferma che i contratti del gas devono essere infranti se la Russia vuole ricevere rubli d’ora in poi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *