Solo 300 genitori beneficiari ricevono aiuto per ristabilire il contatto con i propri figli collocati fuori casa

Solo 300 genitori beneficiari ricevono aiuto per ristabilire il contatto con i propri figli collocati fuori casa

I genitori beneficiari manifesteranno alla Camera dei Rappresentanti il ​​7 marzo contro la lentezza della liquidazione dei danni subiti.  Immagine Freek van den Bergh / de Volkskrant

I genitori beneficiari manifesteranno alla Camera dei Rappresentanti il ​​7 marzo contro la lentezza della liquidazione dei danni subiti.Immagine Freek van den Bergh / de Volkskrant

Una trentina di genitori sono anche riusciti a ristabilire o migliorare il contatto con i propri figli. Cinque nuovi collocamenti in custodia della polizia sono stati evitati grazie al team.

Ma la domanda è se più genitori riceveranno aiuto a breve termine dal piccolo gruppo di cosiddetti supervisori di processo del team di supporto. Il governo non è ancora riuscito a fornire un elenco il più completo possibile dei circa tremila genitori beneficiari i cui figli sono stati affidati negli ultimi quindici anni. Solo quando ciò è accaduto, tutti i genitori interessati possono essere informati personalmente per lettera che possono ottenere aiuto.

Ad esempio, il 10% dei genitori colpiti che sono in contatto con il team di supporto si è segnalato o è stato segnalato dal proprio comune. “Non possiamo ancora avvicinarci a loro da soli; non sappiamo chi siano o dove vivano”, afferma Judith Peeters, Project Manager, Support Team. “Possiamo solo gridare forte: ci siamo.

La Camera dei rappresentanti vuole anche che il maggior numero possibile di genitori riceventi sappia che possono ottenere aiuto. A maggio, il ministro della protezione legale Franc Weerwind ha promesso, durante un acceso dibattito parlamentare, che avrebbe collegato i file di dati di tutti i genitori beneficiari riconosciuti e di tutti i bambini affidati alle cure negli ultimi decenni. Pertanto, il governo può rivolgersi ai genitori in cui queste due caratteristiche coincidono.

Nuova legge

Ora, esattamente un anno dopo la creazione del team di supporto, è chiaro che il roster non sarà disponibile prima dell’estate. A causa della sensibilità alla privacy, è necessaria una legge speciale. Sarà discusso dalla Camera dei rappresentanti mercoledì e dovrà poi passare al Senato. Occorre poi attendere qualche settimana prima che i dati dei genitori interessati lascino i sistemi, perché non esiste un elenco completo dei figli inseriti.

Il ministro Weerwind avrebbe preferito che fosse più veloce. “Il collegamento dei dati sta richiedendo più tempo del previsto perché lo facciamo con attenzione, con garanzie sufficienti”, afferma. È proprio per questo gruppo di genitori ingannati dall’amministrazione fiscale e doganale che il collegamento dei loro dati è particolarmente delicato. La nuova legge prevede inoltre che i genitori che riceveranno presto una lettera possano indicare che desiderano essere rimossi da questo elenco.

Sulla base di una stima precedente, il team di supporto prevedeva che i genitori interessati sarebbero stati contattati ad aprile. Per questo ha già assunto altri dodici responsabili di processo per eventuali ulteriori nuove iscrizioni. “Hanno del lavoro da fare, molti nuovi genitori si stanno iscrivendo adesso”, dice Peeters.

È curiosa della reazione dei genitori interessati. “Se vogliono anche aprire una lettera con sopra il logo del governo. È anche possibile che i genitori conoscano già il team di supporto, ma non ne abbiano bisogno, ad esempio perché diffidano delle autorità o si vergognano”, afferma Peeters. “Forse sono arrabbiati e si chiedono dove hai preso i nostri dati?”

emozioni

La questione dei figli delle persone colpite dal caso di prestazioni collocate fuori casa ha suscitato molta emozione da quando Statistics Netherlands (CBS) ha pubblicato i primi dati un anno e mezzo fa: sono almeno duemila, di cui più oltre seicento sono minorenni e non vivono ancora in casa. La questione chiave, qual è l’esatta connessione tra l’essere ingannati dal caso di benefici e i collocamenti di detenzione, non è stata ancora completamente risolta.

La CBS ha fatto un tentativo. Dopo aver corretto un’affermazione troppo formulata, la sua conclusione è ora: “Non ci sono prove che, in media, le vittime del caso indennità entrino in contatto con la protezione dei giovani più spesso. Non si può escludere che ciò avvenga in singoli casi.

Un’approfondita indagine di follow-up da parte dell’Ispettorato per la giustizia e la sicurezza, compresi i colloqui con i genitori coinvolti, dovrebbe fornire ulteriore chiarezza. Colpisce che l’Ispettorato abbia già collegato i dati su questo argomento a settembre: dei 28.000 genitori di bambini beneficiari di assistenza riconosciuta che sono stati indagati dal Consiglio per la protezione dell’infanzia tra il 2008 e il 2022. Ad esempio, l’Ispettorato aveva già un elenco di circa 2.800 genitori a cui entrambi si rivolgono. L’Ispettorato si è avvicinato a dozzine di loro e ha selezionato i file per le indagini. Un portavoce dell’Ispettorato spiega come sia possibile che abbia già un elenco per il quale il ministro ha redatto un’intera legge. “Ci è permesso, per i poteri speciali dell’Ispettorato.”

Trauma

Comprendiamo già quanto sia delicato l’approccio delle autorità nei confronti dei genitori beneficiari.Annuska Soechit (38) di Rotterdam è uno dei genitori beneficiari contattati dall’Ispettorato. Quando arriva la posta dell’Ispettorato, sua figlia adolescente è seduta davanti al suo portatile. “Leggeva solo le parole: ‘giustizia e sicurezza’ e ‘indagine sulla custodia’, dice Soechit. “Poiché lei stessa è stata espulsa, è stata presa dal panico, aveva paura che succedesse di nuovo”. Soechit ha quindi chiamato l’Ispettorato. “Come hai avuto i miei dati?” Ho chiesto. Potrebbero spiegare. Ho detto loro di essere consapevoli del trauma nelle famiglie quando si avvicinano a genitori come me.

Il ministro Weerwind dice che solo l’Ispettorato ha tale potere. Altre organizzazioni che desiderano utilizzare questi dati per scopi di ricerca, come il Consiglio giudiziario, dovranno attendere la legge.

Peeters del team di supporto lo capisce. “La cura è la cosa più importante”, dice. Si chiede quanti genitori si presenteranno per il team di supporto quando le lettere saranno finalmente spedite. “Spero molto, ma è una scatola nera.”

READ  Cashback, Satispay va dritto e finanzia l'estensione. L'amministratore delegato: "Le nostre operazioni sono triplicate. Si combatte anche contro l'evasione fiscale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *