Il morso arriva anche all’Ikea, nel 2022 rincari di almeno il 9% sui prezzi dell’intero catalogo

Gigante svedese del mobile Ikea ha annunciato che aumenterà i prezzi dei suoi prodotti nel 2022 in media 9%. “Purtroppo, per la prima volta da quando l’aumento dei costi ha iniziato a influenzare l’economia globale, dovremo trasferire alcuni aumenti ai costi finali per i nostri clienti”, ha dichiarato Gruppo Ingka, la holding che controlla 367 dei 422 punti vendita Ikea, ovvero oltre il 90% dei suoi negozi nel mondo. In Europa e in Italia gli aumenti di prezzo potrebbero essere ancora più significativi. Il +9% è in realtà la rilavorazione media globale ma, come spiega l’azienda, i principali aumenti di costo legati a trasporto e ai prezzi dell’offerta “si fanno sentire principalmente in Nord America ed Europa“. Gli aumenti varieranno per paese del gruppo e per fascia, riflettendo la pressioni inflazionistiche locali, ha spiegato Ikea. Nell’anno 2021, il legname è aumentato del Circa il 30%.

L’annuncio del gruppo svedese arriva in un contesto di accelerazione dell’inflazione che interessa quasi tutto il mondo. L’abbondanza di liquidità, le strozzature nell’approvvigionamento di materie prime e prodotti finiti nonché l’attrito tra domanda e offerta di lavoro sono i fattori che favoriscono l’aumento dei prezzi. Nella zona euro l’inflazione ha raggiunto a novembre il 4,9% su un anno, record dall’introduzione della moneta unica nel 1999. Negli Stati Uniti l’aumento dei prezzi è stato del 6,8% rispetto al mese scorso rispetto a novembre 2020, il livello più alto. tra 39 anni. Gruppo Ingka, realizza un fatturato di quasi 40 miliardi di euro l’anno e chiude il 2020 con 1,2 miliardi di utili. È controllato dalla fonazione olandese Fondazione Ingka creato dal fondatore di Ikea Fëdor Ingvar Kamprad morto nel 2018.

READ  Dichiarazione dei redditi 2021: tutte le scadenze dell'Agenzia delle Entrate

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso non abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire informazioni di qualità. Per noi ilfattoquotidiano.it gli unici maestri sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo.
Diventa anche tu un sostenitore

Grazie,
Pierre Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporta ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

L’economista Francesco Forte è morto all’età di 92 anni. È stato ministro nei governi Fanfani e Craxi e vicepresidente dell’Eni

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *