Il neutrino nel ghiaccio rivoluziona l’astrofisica: dal buco nero all’Antartide

Non lo notiamo, ma ogni momento siamo colpiti da miliardi e miliardi di particelle cosmiche che bombardano la Terra alla velocità della luce. È un fenomeno naturale, che è sempre esistito e sempre esisterà fino alla fine dei tempi. Quello che è certo è questo intrappola uno di questi proiettili non è una cosa quotidiana. E ilOsservatorio dei neutrini IceCube in Antartide è riuscito.

Per capire cosa è successo devi fare un file piccolo fai un passo indietro, diciamo 700 milioni di anni fa, quando una stella è stata attratta da un buco nero. Un evento che è stato rilevato alcuni anni fa da un osservatorio in California, così come il bagliore luminoso generato quando la stella si avvicinò all’orizzonte degli eventi.

I ricercatori sono stati in grado di ricostruire le fasi della morte della star, fino alla sua fare gli spaghetti (effetto derivante dall’attrazione della stella nel buco nero, la cui gravità aumenta man mano che ci si avvicina al centro: la parte della stella più vicina al centro viene attratta più fortemente di quella più lontana, e così il corpo si forma sottile, simile agli spaghetti).

Bene, torniamo sulla Terra sul nostro pianeta: una particella di proiettile è stata trovata vicino all’Osservatorio Antartico – a neutrino – di origine cosmica, si è scontrato con una molecola di ghiaccio: un evento molto raro, perché una cosa è sapere di essere costantemente bombardati da particelle dallo spazio, un’altra cosa è riuscire a catturare uno di questi neutrini. È facile vedere che la scoperta ha entusiasmato i ricercatori, che hanno poi raccolto i loro eccezionali risultati nello studio pubblicato su Astronomia della natura.

Ma qual è la correlazione tra il canto del cigno della stella e la particella intrappolata nella molecola di ghiaccio? Semplice: il neutrino proviene da questo evento a 700 milioni di anni luce di distanzae raggiunge il nostro pianeta muovendosi in linea retta. Poiché non ha carica, il neutrino è libero di attraversare il cosmo senza trovare ostacoli. Il Tidal Destruction Event (TDE, un fenomeno che si verifica quando una stella si avvicina all’orizzonte degli eventi di un buco nero supermassiccio) ha causato la dispersione di almeno metà della stella nello spazio sotto forma di frammenti e polvere spaziale, mentre la parte rimanente rimarrebbe al suo posto, alimentare il disco di accrescimento del buco nero. E i neutrini formati dall’evento catastrofico avrebbero innescato il loro lungo viaggio attraverso il cosmo, raggiungendo (anche) la Terra.

READ  Come argomentare in modo costruttivo: regole e suggerimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *