Il pianeta lontano non ha un’atmosfera densa, il che ha implicazioni per la vita in altre parti del sistema

Il pianeta lontano non ha un’atmosfera densa, il che ha implicazioni per la vita in altre parti del sistema

Rappresentazione artistica del lontano pianeta Trappist 1-c.  Immagine NASA/JPL-Caltech

Rappresentazione artistica del lontano pianeta Trappist 1-c.Immagine NASA/JPL-Caltech

Gli astronomi lo scrivono lunedì nella recensione Natura dopo approfondite analisi con lo strumento di misura Miri, in parte sviluppato nei Paesi Bassi, sul James Webb Space Telescope. L’elevata sensibilità di questo strumento permette per la prima volta di studiare in dettaglio le atmosfere di mondi così lontani.

“Con questo esperimento, Miri e James Webb stanno dimostrando il loro valore per la ricerca sulle atmosfere planetarie”, afferma l’astronomo Lucas Ellerbroek, che non è stato coinvolto nella ricerca.

La scoperta ha implicazioni per la ricerca di vita extraterrestre nel sistema planetario trappista, che si trova “a soli” 40 anni luce dalla Terra. Poiché il sistema è cosmicamente vicino e gli astronomi hanno scoperto sette pianeti rocciosi, tre dei quali si trovano nella cosiddetta “zona abitabile”, il sistema trappista ha attirato a lungo l’attenzione degli astronomi.

Circa l’autore
George van Hal prescritto di Volkskrant di astronomia, fisica e viaggi nello spazio. Ha pubblicato libri su tutto, dall’universo ai più piccoli elementi costitutivi della realtà.

Sui tre mondi della zona abitabile potrebbe scorrere in superficie acqua liquida, una delle condizioni per la vita extraterrestre. “Quando il sistema è stato scoperto per la prima volta, la NASA lo ha persino progettato un poster di viaggiodisse Ellerbroek. Il poster era uno scherzo, ma comunque: illustra l’interesse di questi sette pianeti rocciosi.

“Resta ottimista”

Sebbene Trappist 1-c non si trovi in ​​questa zona abitabile, la nuova analisi può dire qualcosa sulle probabilità dei tre pianeti che si trovano lì. A marzo si è scoperto che anche Trappist 1-b, il pianeta più vicino alla stella, non ha atmosfera. Questo risultato è stato ottenuto anche con Miri su James Webb.

Sistema planetario trappista.  Il pianeta 1-c è il secondo dalla stella, i tre a destra sono nella zona abitabile Immagine NASA/JPL-Caltech

Sistema planetario trappista. Il pianeta 1-c è il secondo dalla stella, i tre alla sua destra sono nella zona abitabileImmagine NASA/JPL-Caltech

Che entrambi i pianeti non hanno CO2Un’atmosfera ricca, dicono i ricercatori, aumenta le possibilità dello stesso per i pianeti nella zona abitabile. Sulla Terra l’atmosfera fornisce, tra le altre cose, l’ossigeno e la pressione che rende possibile la presenza di acqua allo stato liquido. Le possibilità di trovare la vita su pianeti con poca o nessuna atmosfera sono quindi scarse.

“Io stesso rimango ottimista e sono molto curioso di ciò che James Webb scoprirà presto tra gli altri pianeti del sistema trappista”, afferma Ellerbroek. “Capisco l’analisi dei ricercatori, ma non credo che si debba saltare a conclusioni sulla mancanza di atmosfere solo su questi due pianeti”. È come se gli astronomi extraterrestri, quando scoprono il sistema solare e vedono che Mercurio non ha atmosfera o acqua, concludano che anche lì le possibilità di vita sono basse.

READ  La fotosintesi artificiale può essere utilizzata per produrre energia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *