Il pilota della Fed non esclude passi importanti negli aumenti dei tassi di interesse

Ascolta la versione audio di questo articolo qui sotto


  • La banca centrale degli Stati Uniti potrebbe aumentare il suo tasso di riferimento in passi relativamente ampi quest’anno.
  • Un leader della Federal Reserve non esclude la possibilità che il ciclo di aumenti di quest’anno sarà di 0,5 punti percentuali.
  • Gli investitori del mercato azionario sono da tempo preoccupati per la velocità con cui i tassi di interesse statunitensi stanno aumentando quest’anno.
  • Leggi anche: Si sta formando un fondo solido per il mercato azionario o siamo su un fondo marcio?

La lotta contro l’elevata inflazione negli Stati Uniti quest’anno potrebbe essere accompagnata da aumenti più grandi del solito del tasso guida della banca centrale.

Non è inconcepibile che la Federal Reserve aumenti i tassi di interesse di 0,5 punti percentuali tutto in una volta quest’anno. Raphael Bostic, uno dei responsabili politici della banca centrale statunitense, ha detto domenica al quotidiano economico britannico Financial Times notato.

Se la banca centrale scommette su rialzi chiave dei tassi di interesse, ciò avviene di solito con incrementi di 0,25 punti percentuali. L’ultima volta che i tassi di interesse sono aumentati di 0,5 punti percentuali è stato all’inizio di questo secolo.

Bostic, che guida la filiale della Fed di Atlanta, è favorevole a tre aumenti dei tassi di 0,25 punti percentuali quest’anno. Ma se i dati macroeconomici lo giustificano, “può farlo anche un approccio più aggressivo”.

“Tutte le opzioni sono sul tavolo in ogni riunione politica”, ha detto Bostic. Inoltre, non vede alcun problema nell’aumentare i tassi di interesse due volte di seguito se c’è un motivo per farlo.

READ  "La Germania sta studiando se la Tesla autonoma è consentita" Car

All’inizio di questa settimana dato Il presidente della Fed Jerome Powell dopo la riunione politica ha già ipotizzato una serie di aumenti dei tassi quest’anno. L’inflazione statunitense è attualmente al livello più alto da quasi 40 anni.

L’approccio standard all’inflazione elevata consiste nell’aumentare i tassi di interesse. Ciò rende l’indebitamento più costoso per le imprese e i consumatori, il che ha un effetto frenante sugli investimenti e sulla spesa dei consumatori. Se questo rallenta il lato della domanda dell’economia, di solito ha anche un effetto frenante sull’aumento dei prezzi di beni e servizi, ovvero l’inflazione.

La politica dei tassi di interesse della Fed tiene sotto controllo i mercati azionari

Gli operatori di borsa stanno già contando su tre o quattro rialzi dei tassi da parte della Fed quest’anno, ma dopo la riunione politica di mercoledì scorso, sempre più persone si aspettano cinque rialzi.

I mercati azionari hanno reagito nervosamente alle misure di inasprimento previste dalla banca centrale statunitense per diverse settimane. Quando i tassi di interesse salgono, investire in azioni diventa relativamente meno interessante rispetto a investire in titoli a reddito fisso a basso rischio, come i titoli di stato.

Attraverso la sua politica dei tassi di interesse, la banca centrale statunitense può influenzare la domanda nell’economia rendendo più costosi i prestiti. Ma dal lato dell’offerta, la Federal Reserve ha molto meno controllo. In parte a causa delle tensioni tra Russia e Ucraina, ad esempio, I prezzi del petrolio hanno raggiunto il livello più alto dal 2014. L’energia costosa si insinua anche nei tassi di inflazione.

Per ora, la banca centrale statunitense è fiduciosa che l’economia statunitense continuerà a crescere fortemente, anche se i tassi di interesse saliranno. L’inflazione dovrebbe diminuire, mentre la crescita rimarrà ragionevolmente stabile.

READ  Aldel a Delfzijl scompare sotto il martello dell'asta. L'ex dipendente Tonni fa un'offerta per la sua "propria" cassetta degli attrezzi

Poiché i prezzi elevati dell’energia alimentano l’inflazione per un periodo più lungo, la banca centrale si troverà in una posizione più difficile: i tassi di interesse potrebbero dover aumentare ancora più bruscamente, il che danneggerà la crescita economica.

LEGGI ANCHE: La crescita economica globale rallenta nel 2022, mentre l’inflazione rimane relativamente alta, afferma il FMI, uno scenario non ideale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *