Il primo partito vecchio stile (con la politica 1G) va bene

Lo hanno annunciato ieri sera gli organizzatori delle serate all’agenzia di stampa ANP. Molti grandi ristoranti hanno aperto le loro porte per la prima volta per un club vecchio stile o una serata di festa, senza restrizioni corona.

Molte domande sulle nuove regole

Per le occasioni in cui si riuniscono più di cinquecento persone, è richiesto un test corona negativo. Il Music Dome e De Marktkantine hanno ricevuto in anticipo molte domande sulle nuove regole del test.

Circa 2.400 celebranti del carnevale hanno partecipato alla festa a Kerkrade, ha detto l’organizzatore Ramon Luckers. Quasi tutti avevano “riordinato il proprio codice QR”. Una manciata di festaioli è stata respinta perché le prove del test erano imperfette.

Qualche delusione

Secondo Luckers, si trattava principalmente di persone risultate positive, ma con un certificato di guarigione. “È molto confuso. Perché hanno un certificato di guarigione e quindi sono effettivamente guariti, ma puoi comunque risultare positivo a poche settimane dalla guarigione. La risposta è stata che, purtroppo, dobbiamo ancora rispettare la politica dei test”.

Alla De Marktkantine sono stati venduti tutti i 2000 biglietti per la festa techno. Un’ora e mezza dopo l’apertura delle porte, il club di Amsterdam aveva rifiutato una quindicina di persone che non avevano il certificato di prova in regola.

“Devo dire che tutto è andato bene per me”, ha detto un dipendente. “Forse la maggior parte di loro ha acquistato un biglietto all’ultimo minuto e ha ignorato le regole dei test di Testing for Access. E forse anche un solo turista era tra loro”.

READ  Partite IVA, nuova dilazione di pagamento per saldo 2020 e acconto 2021: per chi e quando

“Non voglio testare”

La consultazione dei nightclub olandesi Nachtbelang aveva precedentemente annunciato che la politica di test per i grandi club non avrebbe dovuto funzionare bene. Le persone probabilmente non vogliono sottoporsi al test prima di una serata fuori, ha detto l’organizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *