Il proprietario di Strukton Sanderink sospettato di corruzione nel megaprogetto saudita

PAPÀ

Notizie ONS

L’uomo d’affari Gerard Sanderink e gli ex membri del consiglio di amministrazione della sua società di costruzioni Strukton sono sospettati di corruzione in un progetto in Arabia Saudita. L’avvocato di Sanderink lo conferma, dopo il Giornale finanziario riferito su un’indagine di un pubblico ministero.

La ricerca ruota attorno a un contratto per un importante progetto di metropolitana nella capitale saudita Riyadh, che la società di costruzioni di Sanderink Strukton ha ricevuto nel 2013 come parte di un consorzio. Questo è stato il più grande ordine mai effettuato da Strukton.

Raid FIOD

Nel 2019 la FIOD un’incursione a causa di questo accordo. Fino ad oggi, non era chiaro a cosa avrebbe portato questo raid, ma secondo il FD, Sanderink (74) è sospettato di aver “diretto la corruzione ufficiale” di un principe saudita per ottenere il lavoro.

L’ormai defunto principe avrebbe assegnato il progetto del valore di un miliardo di euro in cambio di tangenti.

Nessuna chiamata ancora

Sanderink e Strukton contraddicono fortemente i sospetti attraverso il loro avvocato Paul Acda. Acda sottolinea inoltre che Sanderink non è stato ancora citato in giudizio e non è chiaro se sarà perseguito.

Precisa che nessuna citazione è stata ancora inviata dal pubblico ministero. “Per quanto ne so, c’è solo un sospetto e un’indagine in corso”, dice Acda.

Sanderink ha spesso fatto notizia negli ultimi anni a causa di una faida in corso con il suo ex amante e del tumulto che circonda il suo attuale partner Rian van Rijbroek, un autoproclamato esperto di Internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.