‘Opzioni politiche?  Purtroppo sono molto limitati

‘Opzioni politiche? Purtroppo sono molto limitati

Klaas Knot, presidente della De Nederlandsche Bank (DNB), mercoledì prima dell'inizio di una tavola rotonda sull'inflazione alla Camera dei rappresentanti.  Statua Freek van den Bergh / de Volkskrant

Klaas Knot, presidente della De Nederlandsche Bank (DNB), mercoledì prima dell’inizio di una tavola rotonda sull’inflazione alla Camera dei rappresentanti.Statua Freek van den Bergh / de Volkskrant

Bisogna essere a Francoforte per trovare soluzioni, hanno detto mercoledì pomeriggio quattro economisti monetari alla Camera dei Rappresentanti. Solo la Banca centrale europea (BCE) può contenere un’inflazione elevata, ma reagisce troppo lentamente, secondo la loro analisi unanime. Il professore di Rotterdam Casper de Vries non lo nasconde. “Stai chiedendo delle opzioni di politica? Purtroppo sono molto limitati.

Ora che il livello generale dei prezzi sta salendo a doppia cifra (11,9% a marzo), gabinetto e parlamento si torcono le mani perché il potere d’acquisto dei loro elettori cade preda di un fenomeno quasi dimenticato: l’elevata inflazione. In più di quarant’anni, i prezzi nei Paesi Bassi non sono aumentati così rapidamente come fanno oggi. La Commissione parlamentare permanente per le finanze ha quindi chiesto un valido consiglio a diversi eminenti economisti.

Colpo della BCE

La tavola rotonda con Sweder van Wijnbergen, Casper de Vries, Lex Hoogduin e Edin Mujagic si intensifica immediatamente in una sessione di bashing della BCE. Va bene, dicono i quattro esperti: l’inflazione è così alta in questo momento a causa dell’esplosione dei prezzi dell’energia. La BCE non può farci nulla. Ma la banca centrale dell’eurozona deve impedire che questa inflazione energetica, che spera sia temporanea, “si incastri” nell’economia attraverso spirali salari-prezzi. Questo rischio è aumentato perché il mercato del lavoro è rigido. Se ciò accade, “le rape sono cotte”, dice Van Wijnbergen. “Situazioni come questa finiscono sempre in una grave recessione”.

Hoogduin e Mujagic ritengono che la BCE abbia creato un terreno fertile per un’inflazione elevata e sostenuta facendo circolare quantità estremamente elevate di nuova moneta, come altre importanti banche centrali. Dal 2010, la BCE ha aumentato l’offerta di moneta di migliaia di miliardi di euro acquistando titoli di Stato e altri titoli europei. Una tale politica è intrinsecamente inflazionistica, dice Mujagic alla Camera dei Rappresentanti. Dopotutto, l’inflazione non è altro che la caduta del valore del denaro.

“Ora si sostiene che l’inflazione molto alta sia dovuta alla guerra in Ucraina e al fatto che stiamo appena uscendo da una pandemia globale. Il ruolo della BCE è passato in secondo piano, ed è pericoloso. Il denaro è come gli altri beni: più denaro c’è in circolazione, meno finisce per valere. Mujagic può spiegare perché l’inflazione è stata bassa negli ultimi anni, nonostante la creazione di denaro da parte della BCE: il denaro creato dalla BCE non è andato inizialmente ai cittadini comuni, ma a ricchi investitori.

iniezioni di denaro

Le massicce iniezioni di liquidità distribuite da governi e banche centrali durante la crisi del credito e dell’euro sono andate principalmente al settore finanziario. I ricchi della terra hanno beneficiato di queste banche. L’espansione dell’offerta di moneta ha significato l’aumento dei prezzi delle azioni e dei prezzi degli immobili: il patrimonio dei ricchi. I salari dei lavoratori ordinari sono aumentati molto meno.

Mujagic sottolinea alla Camera che i governi hanno anche fornito sostegno finanziario a cittadini e imprese comuni dopo la pandemia di corona. Nei Paesi Bassi ciò è avvenuto attraverso i programmi di sostegno alle PMI e ai lavoratori autonomi, ma ora anche attraverso la compensazione per l’aumento dei prezzi dell’energia. Di conseguenza, il denaro creato dalla BCE può ora influenzare i prezzi al consumo. Negli Stati Uniti, dove il governo ha distribuito denaro direttamente alle famiglie americane, dice che è già evidente.

La BCE ora deve frenare e in realtà è troppo tardi, afferma Hoogduin. Non riesce a credere che la BCE non abbia ancora cancellato i suoi programmi di acquisto di asset. “Ciò significa che la BCE sta stimolando l’inflazione. C’è il rischio significativo che l’inflazione venga presto tenuta sotto controllo solo con rapidi rialzi dei tassi di interesse che scateneranno una grave recessione e una nuova crisi dell’euro. Mujagic: “Ascoltando i leader della BCE, penso che la probabilità che la BCE continui con la politica di controllo dell’inflazione sia inferiore a quella di noi in sella a un Elfstedentocht il 31 luglio”.

Van Wijnbergen e gli altri puntano il dito anche contro i governi dei paesi dell’euro, compreso quello olandese. Hanno messo la BCE in una situazione difficile, ignorando sistematicamente le regole di bilancio comuni. Il debito pubblico in molti paesi dell’UE (non nei Paesi Bassi) è aumentato a tal punto che gli aumenti dei tassi di interesse potrebbero mettere in pericolo l’euro. Paesi come l’Italia e la Grecia alla fine non saranno più in grado di finanziare il proprio debito pubblico a tassi di interesse più elevati.

“Carburante per il fuoco”

Secondo Van Wijnbergen, l’attuale accordo di coalizione, che porta a un notevole aumento del debito pubblico olandese, è “carburante sul fuoco” dell’inflazione. “Un budget espansivo come nell’accordo di coalizione è possibile, ma non dovrebbe esserci nulla di sbagliato in questo. E all’improvviso tutto va storto. Trasferiamo il rischio ai futuri contribuenti. Hoogduin: “Se è vero che la BCE è riluttante ad aumentare i tassi di interesse perché minacciano la stabilità finanziaria dell’eurozona, allora gli Stati membri dovrebbero far uscire la BCE da questa trappola riducendo i propri debiti.

Al termine della sessione, Klaas Knot, presidente della De Nederlandsche Bank e membro del comitato esecutivo della Bce, cerca di salvare ciò che può essere salvato nella reputazione della Bce. Difende la politica della BCE, sostenendo che tutti i segnali di mercato indicano che l’inflazione elevata è temporanea e tornerà a quello che la BCE considera il 2% ideale. Knot ammette, tuttavia, che avrebbe preferito che la Bce smettesse già di acquistare titoli di Stato. Personalmente, ritiene che la probabilità che l’inflazione rimanga alta per lungo tempo sia maggiore di quella che sia migliore del previsto. Inoltre definisce “preoccupante” il fatto che l’inflazione stia iniziando a diffondersi dal mercato dell’energia ad altri beni di consumo, come il cibo.

READ  Come funziona l'obbligo di vaccinazione per gli operatori sanitari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *