Il settore agrumicolo dell’Europa meridionale ritiene che i nuovi controlli per prevenire la CBS non siano sufficienti

Il settore agrumicolo dell’Europa meridionale ritiene che i nuovi controlli per prevenire la CBS non siano sufficienti

Il gruppo di contatto agrumi, composto da rappresentanti del settore provenienti da Spagna, Francia, Italia e Portogallo, sta esaminando le nuove misure dell’Unione europea per prevenire l’introduzione e la diffusione della macchia nera degli agrumi (Phyllosticta citricarpa) (CBS) come “insufficiente”.

Durante una riunione del gruppo, il presidente dell’associazione valenciana dei produttori Ava-Asaja, Cristóbal Aguado, insieme ai rappresentanti degli agrumicoltori di altre regioni spagnole, Francia e Italia – il Portogallo non ha potuto partecipare all’incontro – è rimasto “deluso” che l’Unione Europea sta solo attuando un “inasprimento limitato” delle misure sulle importazioni da paesi terzi. Secondo il presidente, c’è ancora un grande rischio che si manifesti questa malattia, che non è presente negli agrumicoltori europei, visto l’alto numero di spedizioni intercettate nei porti.

“Bruxelles si rifiuta di agire con più vigore contro le spedizioni dal Sud Africa, nonostante il fatto che questo Paese abbia registrato il maggior numero di intercettazioni CBS di spedizioni di agrumi nell’ultimo decennio nel 2021: 43 intercettazioni nel 2021 e 200 dal 2012”, ha affermato Ava-Asaja sulla base di dati ufficiali. Il Sudafrica ha avuto il maggior numero di intercettazioni da parte della CBS negli ultimi dieci anni, davanti a Argentina (189) e Uruguay (99). In totale, ci sono stati 702 rilevamenti dal 2012.

D’altra parte, l’associazione dei produttori accoglie con favore il fatto che l’UE abbia risposto alla richiesta del settore di includere lo Zimbabwe nell’elenco dei paesi che devono certificare che i loro frutti sono privi di CBS. Durante l’incontro, Ava-Asaja ha sottolineato che lo Zimbabwe aveva raccolto 44 intercettazioni con la CBS l’anno scorso, mentre solo 22 erano state registrate nei nove anni precedenti.

READ  WhatsApp, la nuova opzione fa sognare gli utenti: notizie pazze

“Insieme ad altre organizzazioni spagnole, stiamo valutando la possibilità di avviare un’azione legale contro l’UE attraverso Intercitrus per ottenere un risarcimento in caso di introduzione di un parassita o di una malattia che non è ancora presente nell’agrumeto europeo”, ha affermato Aguado.

“L’associazione consulta diversi studi legali specializzati in diritto europeo sulle opzioni legali e invita altri paesi ad aderirvi. Se gli agrumicoltori europei devono sopportare le perdite dovute alle conseguenze di un parassita o di una malattia estranea – come è già il caso del cotonet di Il Sud Africa, per esempio – poi spetta al governo, che ha la responsabilità di impedirne l’introduzione e la diffusione, assumersene le conseguenze.

Come il resto del settore agrumicolo in Spagna, Francia e Italia, Ava-Asaja esorta la Commissione europea “ad applicare immediatamente il trattamento a freddo, entro pochi giorni, alle arance sudafricane, in modo che il provvedimento possa arrivare all’inizio del nuova stagione di esportazione verso l’Europa”.

Per maggiori informazioni:
Ava Asaja
Telefono: +34 963 804 606 (Spagna)
[email protected]
www.avaasaja.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *