Il settore metallurgico fissa due giorni di lavoro per un miglior contratto collettivo di lavoro

Il settore metallurgico fissa due giorni di lavoro per un miglior contratto collettivo di lavoro

I dipendenti del settore metallurgico interromperanno il lavoro per alcuni giorni la prossima settimana per far rispettare un contratto collettivo di lavoro migliore. Da ottobre sono bloccate le trattative per un nuovo contratto collettivo di lavoro. Sindacati e datori di lavoro non riescono a concordare un salario più alto e un regime di occupazione pesante per i 320.000 dipendenti del settore.

Lunedì inizia uno sciopero di 48 ore in Frisia. Seguiranno poi altre regioni. È in corso uno sciopero, tra l’altro, di società di installazione, società metallurgiche, società di isolamento e società di carrozzeria.

A novembre, ci sono stati scioperi di 24 ore in tutto il paese e migliaia di lavoratori scontenti hanno presentato petizioni ai datori di lavoro, ma senza successo. Ecco perché i sindacati FNV, CNV e De Unie faranno una campagna più dura dalla prossima settimana.

I datori di lavoro offrono la metà

I datori di lavoro si rammaricano per le azioni. Dicono di aver chiesto più volte ai sindacati di rinegoziare, ma prima volevano sul tavolo un’offerta concreta. La domanda attuale, un aumento salariale del 3%, non è realizzabile, secondo i datori di lavoro. Non vogliono andare oltre l’1,4%.

“È giunto il momento che i datori di lavoro si sveglino e si rendano conto che questo è completamente irrealistico al momento. Ecco perché aumenteremo la pressione la prossima settimana”, afferma un leader dell’azione CNV Vakmensen.

READ  ALD e Leaseplan: un matrimonio all'insegna di una nuova mobilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *