Il suono morbido del pianoforte scaccia gli incubi – NRC

Il suono morbido del pianoforte scaccia gli incubi – NRC

Una corsa folle in un burrone spaventosamente profondo, attaccata da ragazzi minacciosi con un coltello: gli incubi sono orribilmente realistici. E le persone con incubi ne hanno almeno uno a settimana. Sono anche esausti e ansiosi durante il giorno.

I ricercatori svizzeri hanno trovato un nuovo modo per sbarazzarsi di quei fastidiosi brutti sogni. Ai loro pazienti è stata data una fascia wireless che emetteva un suono di notte non appena hanno iniziato a sognare. Questo suono era preaccoppiato con una versione positiva dell’incubo, che il sognatore aveva progettato lui stesso. Gli incubi sono scomparsi per almeno tre mesi, hanno scritto i ricercatori la scorsa settimana la rivista scientifica Biologia attuale.

Il disturbo da incubo può perseguitare una persona per decenni. Le persone con disturbo da stress post-traumatico (PTSD) spesso ne soffrono, ma il disturbo si verifica anche senza che qualcuno abbia vissuto un evento traumatico. Circa 1 persona su 25 ne soffre. Il trattamento più valido è terapia di ripetizione dell’immagine (IRT). In tal modo, il sognatore inventa una versione dell’incubo con un lieto fine e ripete questo scenario riscritto per cinque o dieci minuti ogni giorno. Questa terapia funziona bene, ma in circa un terzo dei pazienti non funziona e, a volte, gli incubi ritornano dopo alcune settimane.

Un suono o un odore

Lo psichiatra Lampros Perogamvros dell’Università di Ginevra ha deciso di combinare l’IRT con una tecnica ben nota: la riattivazione della memoria mirata. Durante il giorno, un’esperienza è legata a un suono oa un odore. Se qualcuno è esposto a questo suono o odore durante la notte durante il sonno profondo, l’apprendimento è migliore. Perogamvros ha applicato questa tecnica durante il sonno REM (movimento oculare rapido), la fase del sonno durante la quale le persone sognano.

READ  Argomento principale sulla salute mentale per la linea di assistenza dei chiamanti

Lo studio ha coinvolto 36 persone che hanno avuto incubi senza una causa traumatica, da due a quattro volte a settimana. Sono stati esaminati da un esperto del sonno e hanno tenuto un diario dei sogni e un diario del sonno per due settimane. In una seconda visita in ospedale, ogni partecipante ha inventato una versione positiva del proprio incubo più comune e l’ha immaginato per cinque minuti. La metà dei partecipanti ha sentito un suono in cuffia ogni dieci secondi durante questa ripetizione dello scenario positivo: l’accordo di pianoforte C69, per un secondo.

Nelle due settimane successive, a tutti i partecipanti è stata data una fascia da portare a casa da indossare mentre dormivano. Tra le altre cose, registrava le loro onde cerebrali e, non appena iniziava il sonno REM, suonava quell’accordo ogni dieci secondi – piano, ma in modo che il dormiente potesse a malapena sentirlo, a un volume di circa 40 decibel. Hanno anche tenuto diari e praticato lo scenario positivo per cinque minuti ogni giorno.

La storia positiva

Dopo due settimane, gli incubi erano meno comuni nelle persone la cui storia positiva era correlata all’accordo di pianoforte. In media, soffrivano ancora del loro incubo una volta al mese, persone che avevano avuto ESRD solo una volta alla settimana. Il gruppo trattato con l’accordo aveva anche altri sogni positivi molto più spesso – il gruppo di controllo non ne aveva.

Dopo tre mesi, questa differenza era ancora lì. La frequenza degli incubi è leggermente aumentata di nuovo, ma era ancora inferiore in entrambi i gruppi rispetto a prima del trattamento.

READ  Tutto da minimi.be è migrato a health.be!

“Uno studio molto interessante e dal design elegante”, pensa Jaap Lancee, psicologo dell’Università di Amsterdam specializzato in incubi. “Vedi un serio effetto aggiuntivo della riattivazione della memoria, oltre all’effetto dell’IRT”.

Gli svizzeri sottolineano che i pazienti non immaginano improvvisamente la nuova versione divertente dell’incubo. “Lo vedi all’IRT”, dice Lancee, “la storia positiva non la sostituisce, ma lo scenario da incubo non si innesca più. La carica emotiva è diminuita e quindi non ti perdi più questa storia.

Prima che le nuove conoscenze raggiungano la pratica del trattamento, lo studio deve essere ripetuto, anche nelle persone con disturbi psichiatrici in cui spesso si verificano incubi, come il PTSD. Lancee: “Se si dimostra efficace in questo gruppo clinico, direi di usarlo subito”.

Leggi anche: Svegliarsi sudato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *