Il telescopio Hubble scopre tracce di drammatici eventi astronomici

Il telescopio spaziale Hubble ha immortalato flussi di gas che si irradiano dal sito di un’esplosione di supernova in una galassia satellitare nella Via Lattea.

Dopo aver studiato la forma, la velocità e la direzione del movimento della materia espulsa, gli astrofisici hanno ricostruito il luogo e il tempo dell’esplosione stessa. La sua luce avrebbe dovuto raggiungere la Terra 1.700 anni fa. Tutte le informazioni sono pubblicati sul sito web ufficiale del progetto Hubble.

I ricercatori stanno usando le immagini di ciò che resta di una supernova per ricostruire una catena di antichi eventi astronomici. Il telescopio spaziale “Hubble” della NASA e dell’Agenzia spaziale europea ha immortalato il resto della supernova 1E 0102.2-7219, situata a circa 200mila anni luce dal nostro pianeta.

La stella esplosa appartiene alla Piccola Nube di Magellano, una galassia satellite nella Via Lattea. Nell’immagine di Hubble, i getti di gas, colorati in blu, si muovono verso la Terra, mentre quelli mostrati in rosso si allontanano da noi. La velocità media di movimento dei coaguli di gas, secondo gli scienziati, è di 3,2 milioni di chilometri all’ora. Con questa velocità, puoi fare un viaggio di andata e ritorno sulla luna in soli 15 minuti.

I getti sono composti da ossigeno ionizzato, che brilla intensamente alla luce visibile. Gli esperti di Hubble hanno seguito 22 dei coaguli più grandi nella direzione opposta, trovando il sito della sospetta esplosione. Tenendo conto dell’attuale velocità di movimento degli ammassi di gas e del loro possibile rallentamento mentre attraversano il mezzo interstellare, gli scienziati hanno calcolato l’età della supernova.

READ  Il sistema solare si è formato in due fasi: spazio e astronomia

Secondo i dati aggiornati, la luce di questa esplosione è arrivata sulla Terra 1.700 anni fa, durante il declino dell’Impero Romano, ma solo gli abitanti dell’emisfero meridionale della Terra potevano vederla. Purtroppo, non è nota alcuna registrazione di questo evento cosmico maestoso. In precedenza, l’esplosione della supernova 1E 0102.2-7219 sarebbe avvenuta tra 2000 e 1000 anni fa.

La nuova analisi fornisce una data più precisa. Gli autori hanno anche stimato la velocità della cosiddetta stella di neutroni, il nucleo di supernova in frantumi lasciato dopo l’esplosione. I ricercatori ritengono che si sia spostato di oltre tre milioni di chilometri all’ora dal centro dell’esplosione per raggiungere la sua posizione attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *