Il vaccino contro il coronavirus russo non convince gli scienziati

Diversi esperti mondiali hanno scritto una lettera aperta a Lancet chiedendo chiarimenti sui dati presentati dai ricercatori russi sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino Sputnik V: qualcosa non va

(immagine: Getty Images)

Quando il presidente Vladimir Putin l’11 agosto anno Domini approvazione del primo vaccino contro il coronavirus, che considera sicuro ed efficace, non c’è stata l’ondata di entusiasmo che tali notizie positive avrebbero dovuto suscitare, in particolare all’interno della comunità scientifica internazionale. Il motivo è che non si sapeva quasi nulla dell’esperimento: nessun dato è stato pubblicato.

La notizia di questi giorni è questa ora ci sono alcune informazioni ed è disponibile su Lancetta, una delle più prestigiose riviste scientifiche del settore. Peccato che molti esperti non siano soddisfatti di quanto riportato nell’articolo firmato da Denis Logunov e dai suoi colleghi, e chiedono chiarimenti.

I dubbi della comunità scientifica

Uno dei firmatari del lettera aperta una Lancetta e gli autori della sperimentazione sul vaccino Sputnik V (così chiamato in ricordo del primo satellite sovietico lanciato nello spazio) è Enrico Bucci, il biologo italiano, professore alla Temple University di Philadelphia che sui suoi profili social e sulle pagine del Foglia Spiegare Cosa c’è che non va nei dati dei ricercatori russi.

Prima di tutto, i dati pubblicati fanno parte della sperimentazione di fase 1/2 del candidato vaccino, ma non appartengono a un singolo studio. Esistono infatti due studi, uno sul vaccino in soluzione e l’altro su una formulazione liofilizzata, e ciascuno realizzato coinvolgendo un piccolo numero di volontari (in totale 40). Troppo pochi poter concludere che lo Sputnik V è sicuro ed efficace, ma sufficiente – secondo i firmatari della lettera aperta – per essere moderatamente ottimisti nel prosieguo dell’esperimento su un maggior numero di persone.

READ  Corso online del primo anno del Government College of Arts and Sciences a partire dal 31 agosto: Ordine di ricevere le vecchie lezioni | corso di arti e scienze online

Inoltre, ad aumentare le preoccupazioni degli scienziati di tutto il mondo, c’è il fatto che non solo i dati sono scarsi ma ci sono anche apparenze incongruenze, “Ciò solleva dubbi come la necessità di dissipare i dati dello studio originale”., Continua Bucci Foglia.

Un portavoce di Lancetta ha rilasciato una dichiarazione all’AFP dicendo che, come sempre prima della pubblicazione, il lavoro era valutato da esperti indipendenti. Tuttavia, ha inoltrato la lettera dei suoi colleghi agli autori russi, chiedendo una risposta utile alla discussione.

La risposta degli scienziati russi

Secondo l’agenzia di stampa russa Ria Novosti, gli autori hanno già inviato una risposta dettagliata alla rivista e Denis Logunov, parlando alle agenzie russe Meduza e Tass, ha aggiunto che “L’Istituto Gamaleya rifiutare categoricamente le accuse commosso da un gruppo di scienziati sull’inesattezza delle statistiche pubblicate su Lancet. I dati sono affidabili e precisi e sono stati esaminati da cinque revisori di Lancet, il protocollo clinico completo è stato presentato agli editori della rivista “.

Tuttavia, sostiene un numero crescente di esperti internazionali (inclusi i russi), sono ovvi per noi duplicazione dei dati, una condizione altamente improbabile dato il numero limitato di partecipanti allo studio. Se è vero Lancetta è in possesso di tutti i dati sperimentali – insiste la comunità scientifica internazionale – quindi perché non li divulga?

Anche questo potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *